Sicilia Report
Sicilia Report

Paolo Zerbo nuovo Direttore Responsabile di Sicilia Report

Classe 1967, una Laurea in Sociologia e Servizio Sociale, esperto in Sistemi di Rete ICT

Cambio di direzione a Sicilia Report. Classe 1967, una Laurea in Sociologia e Servizio Sociale, esperto in Sistemi di Rete ICT, cioè in Tecnologie dell’informazione e della Comunicazione. Paolo Zerbo coordinerà le attività giornalistiche e sarà impegnato a rinvigorire la comunità dei lettori di siciliareport.it.

Bottone 980×300

«Sicilia Report offrirà sicuramente ai lettori, come ha sempre fatto dalla sua nascita, un’informazione di qualità sui temi dell’attualità sociale e culturale, – ha detto Zerbo, quando ha accettato l’incarico proposto dalla Naos Edizioni – con approfondimenti, opinioni e una squadra di personaggi che proverà a interessare divertendosi, facendo circolare informazioni, nuove idee e nuovi punti di vista».

Numerose sono le sfide che Sicilia Report intende intraprendere nei prossimi mesi. Obiettivi che sono partiti dal mese di giugno 2019, per volontà piena dell’editore, innanzitutto rinnovando il portale web, www.siciliareport.it, con un’attenzione verso le recenti componenti dell’informazione ad uso delle nuove tecnologie, con lo scopo primario di stringere una maggiore sinergia con il territorio e con i lettori.

La Naos edizioni e tutta la Redazione ringrazia Davide Orazio Bonaccorso, il quale lascia la direzione che aveva accettato di buon grado di presiedere con serenità ed amicizia. È a lui che ci rivolgiamo direttamente, e sentiamo il piacevole dovere di dichiarare a Davide il nostro migliore augurio per una fiorente e lunga carriera giornalistica.

Concludiamo, affermando con estremo rigore, che la libertà di stampa è uno dei principi fondamentali ed anche il segnale della qualità, del livello della democrazia che c’è in un Paese. E che cos’è una democrazia se non la somma del rispetto dei diritti di comunità e individui differenti? E più diritti noi rispettiamo, più la democrazia e la Repubblica si rafforzano. In un sistema democratico i diritti non si contrappongono, si sommano e si rispettano tra loro, creando intelligenza e nuove idee.

La vera sfida, e questo ha a che vedere con il nostro lavoro, è identificare i nuovi diritti, una moltitudine, e rispettarli tutti affinché si sommino e il complesso della società a cui apparteniamo diventi più forte, creando rete.

Commenti