Palermo, nel cuore di Brancaccio la Festa della Polizia

di

Una giornata di sole ha incorniciato il 167° anniversario di fondazione della Polizia di Stato, celebrato a Palermo con una grande festa nel quartiere Brancaccio. E il quartiere ha risposto con una poderosa partecipazione: circa mille ragazzi, accompagnati dalle famiglie, hanno preso parte alla solenne cerimonia. La scelta di Brancaccio non è stata casuale: qui è ancora forte il ricordo di padre Pino Puglisi, simbolo della Palermo pulita che rifiuta di piegarsi alle vili logiche mafiose.

Dopo la deposizione di una corona di alloro ai piedi della lapide posta nell’atrio della Questura, in memoria dei Caduti della Polizia, il Teatro del Sole ha ospitato la cerimonia istituzionale. ‘Brancaccio – ha commentato il questore Renato Cortese – è un territorio bellissimo che vuole ribellarsi alla mafia, come dimostra la grande partecipazione di oggi dei ragazzi e delle loro famiglie. Palermo è una città diversa e insieme vogliamo continuare a camminare e ad andare avanti. Abbiamo voluto fare la Festa della Polizia nel quartiere Brancaccio per recuperare il nostro territorio ma anche per dare un messaggio forte ai giovani, che devono dire no alla mafia e che hanno sempre vicino la Polizia’.

Soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco di Palermo, Leoluca Orlando: ‘Siamo oggi in un meraviglioso spazio, recuperato grazie all’impegno dei lavoratori della Reset e del Coime, nel cuore di Acqua dei Corsari, per esprimere gratitudine verso la Polizia di Stato per il clima di sicurezza che rende più vivibile la nostra città. Essere qui, in un parco che l’amministrazione ha deciso di intitolare alla memoria di Libero Grassi, è il modo migliore per rendere onore a chi ha dato la vita per la nostra comunità’.

Nel corso della giornata di festa sono anche stati resi noti i dati relativi all’attività svolta dalla Questura palermitana nel corso del 2018: dal 1° marzo 2018 al 20 marzo 2019 sono stati confiscati beni per un valore di 12.730.461 euro. Supera invece i 7,6 milioni di euro il valore dei beni sequestrati su proposta del questore di Palermo e ammontano ad oltre 6,4 milioni di euro le proposte di sequestri di beni su iniziativa del capo della Polizia. Per quanto riguarda le misure di prevenzione personale, sono stati quaranta i provvedimenti di ammonimento per stalking e centodue i daspo emessi dalla Questura. La Squadra Mobile di Palermo ha sequestrato 6.424 chili di marijuana, 2.200 chili di cocaina e 596 chili di hashish. Nel 2018 sono state arrestate 1.259 persone, 534 delle quali in flagranza di reato. Sono invece 3.961 le persone denunciate.