Sicilia Report
Sicilia Report

25 dicembre 800: l’incoronazione di Carlo Magno

Roma, 25 dic. – Figlio di Pipino il Breve e di Bertrada, Carlo Magno divenne re dei Franchi nel 768 e, alla morte del fratello Carlomanno, incorporò anche i suoi territori. Prima dell’inizio della messa, Carlo Magno si recò alla tomba di San Pietro per venerare il principe degli apostoli. Si inginocchiò e iniziò a pregare. Il Sommo Pontefice gli si avvicinò, portando un diadema d’oro tra le mani.
Il giorno di Natale dell’800 papa Leone III lo incoronò Imperatore dei Romani, fondando quello che fu definito per antonomasia Impero carolingio. Bisogna però dire che la definizione “Sacro romano impero” non si usò mai all’epoca di Carlo Magno, infatti cominciò a diffondersi dopo l’Anno Mille, quando parte dei territori dei carolingi e il titolo imperiale erano ormai passati nelle mani dei sovrani del Regno di Germania.

Bottone 980×300

Con Carlo Magno si assistette quindi un nuovo modello di impero che diede un profondo impulso alla Rinascita carolingia ed un periodo di risveglio culturale nell’Occidente.

L’impero resistette fin quando fu in vita il figlio di Carlo, Ludovico il Pio: fu poi diviso fra i suoi tre eredi, ma la portata delle sue riforme e la sua valenza sacrale influenzarono radicalmente tutta la vita e la politica del continente europeo nei secoli successivi.
Calato in Italia, sconfisse il re dei Longobardi, Desiderio.
Morì ad Aquisgrana nell’814.
(AdnKronos)

Commenti