Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Il Rebis, maschile, femminile, androgino

13

Dovremmo imparare a navigare anzitutto le nostre acque. Sappiamo davvero usare il Sestante che ci è stato donato? Dovremmo imparare ad acquisire esperienza anzitutto coi carteggi che ci sono stati affidati, con le rotte che abbiamo imparato a solcare e con quelle che stiamo ancora studiando. Abbiamo contezza del nostro ago magnetico interiore, o lo sovrapponiamo ad un Ego magnetico ipertrofico? Dovremmo comprendere infine che l’esperienza formativa cui la nostra anima si sottopone in questo Mondo passa per l’accettazione del duale. Un meraviglioso esempio della logica di questa realtà rimane l’alfabeto ebraico. Ventidue lettere, come i ventidue arcani maggiori, ci formano e ci informano, se e solo se sapremo aprire i nostri sensi ed il nostro intelletto ai loro segreti. Sette di queste nascono dalla fusione di due lettere, creandone cosi sette doppie. Ogni lettera doppia è quindi un ricordo ed una testimonianza della illusoria doppiezza di questo mondo. Illusoria perché, come scritto qualche rigo prima, siamo qui per fare esperienza. Partiamo dal due per ritornare ad essere UNO. Il Rebis è la “cosa doppia” per eccellenza. Appartenente al regno alchemico così vasto, allegorico, enigmatico. Non potrò trovare mai la pietra filosofale se prima non passo attraverso il superamento del duale, anzitutto dentro me stesso. Risolvere il rebus del rebis equivale ad ottenere il composto dei composti, l’aurum potabile quando liquido e la pietra filosofale se solido. Cosa, dentro noi, è duale. In noi è presente il drago come la tigre, dicevano gli antichi saggi orientali, cosi come il maschile ed il femminile. Non è solo la Scienza Reale a parlarcene ma le stesse Chimica e Biologia, al di là dei molti esempi di piante ermafrodite presenti in natura. Gli estrogeni vengono prodotti dagli androgeni grazie all’azione di enzimi aromatici. Eva deriva dalla costola di Adamo. Ed entrambi sono ad immagine e somiglianza del Dio Creatore del Tutto. Nulla di strano dunque se si asserisce che Dio possiede in sé, sia il principio maschile che il principio femminile. Ognuno dei cinque regni descritti dalla Biologia possiede esempi di Maschile, Femminile e di organismi in grado di autoriprodursi, ad esempio, perché in possesso di entrambi gli apparati sessuali. La razza umana dovrebbe distinguersi dagli animali per le sue facoltà cognitive superiori capisce il senso della prova e parte alla ricerca. Le risposte sono ovunque e da nessuna parte in particolar modo. Ogni risposta è vera e falsa. Solo e soltanto io conosco l’ubicazione della mia Pietra Nascosta, solo io conosco la qualità del materiale e solo e soltanto io sono responsabile del procedimento alchemico e del suo risultato finale. È giusto che il mio laboratorio sia nascosto alla vista altrui, che la mia attività al suo interno sia conosciuta da pochi, se è proprio necessario dire che vado alla ricerca dell’oro spirituale. Questo perché è necessario Silenzio Interiore. È necessario il raccoglimento. È necessario mettersi alla prova con chi non capisce ne conosce ed ascoltare in religioso silenzio l’esperienza tecnica di chi ha competenza. E dopo ogni confronto uscirne sconfitto e vincitore. Tutte le Vie hanno un percorso intermedio. Alchimia, Cabala. Se questo è vero anche per il Tantra, perché non dovrebbe essere vero in quei casi in cui il Rebis si manifesta esternamente. La Wicca porta il praticante serio a conoscere la Dea ed il Dio. Ma il Pimandro ci insegna che noi stessi siamo Dei. Navighiamo tra saggezza e stoltezza, percorriamo vita e morte, decidiamo tra dominio e schiavitù, soffriamo di ricchezza e povertà, desideriamo fecondità e sterilità, amiamo bellezza e bruttezza, lottiamo tra pace e guerra. Una parabola Zen ci suggerisce di riflettere sul fatto che siamo noi stessi a generare Paradiso ed Inferno. Chissà se anche questo dualismo è fittizio.

Articolo proposto alla redazione da Ercole Fiandro

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci