Sicilia Report
Sicilia Report

Magia Bianca, Rossa, Verde e Nera

Si distingue la MAGIA ROSSA e quella VERDE. Quest’ultima è spesso associata, in maniera errata, a percorsi spirituali come il druidismo o la wicca. È sbagliato pensare che si pratichi solo questo aspetto. Viene etichettata come verde tutta quella pratica magica che utilizza piante e corrispondenze legate ad esse per agire sulla realtà e sul piano materiale

Il precedente articolo, cari lettori, fungeva da introduzione volta a fornirvi le chiavi basilari di discriminazione relative ad argomenti sconfinati. Solitamente si tratta di forme culturali e cultuali che solleticano la curiosità di ognuno di noi ed è per questo che bisogna, a mio avviso, avere capacità di discernimento a riguardo. Come dicevo nelle righe della precedente introduzione a questi argomenti la magia è una ed una soltanto. Ma come ogni ARTE le sue tecniche sono molteplici. Un po’ come la pittura diciamo che è possibile dipingere un soggetto con varie tecniche ed ogni tecnica avrà il suo nome e le sue caratteristiche, verrà usata meglio da una corrente piuttosto che da un’altra ma l’arte resta sempre arte ed il soggetto che scegliamo di rappresentare resterà sempre quello. Quando parlo di magia torna sempre alla mia mente quello studio sulla luce che facevano gli impressionisti. Stesso soggetto osservato in diverse ore del giorno e rappresentato con toni e sfumature diverse sembra essere tutt’altro, pur rimanendo sempre il medesimo. E ciò descrive al meglio, a mio parere, le differenze che spesso gli stessi “addetti ai lavori” classificano, forse anche per aiutare il neofita ad orientarsi. In realtà è l’intenzione a mutare. Questo mutamento dipende da come volgiamo interagire con la realtà ma è vero anche che può dipendere dagli strumenti utilizzati. La forma più conosciuta e pacifica resta sempre la MAGIA BIANCA dove le operazioni compiute attraverso la preghiera, le formule, le interazioni con esseri spirituali elevati sono sempre volte all’ordine, alla pulizia, alla benedizione ed alla protezione. Quando questa intenzione purificatoria e votata al bene lavora con entità spirituali votate al bene ciò prende il nome di TEURGIA e rappresenta, per gli esperti, la più alta forma di MAGIA. Al suo esatto opposto troviamo la MAGIA NERA. Questa opera per dividere, portare discordia, afflizione, tormenti e tutto ciò che possa danneggiare il soggetto ricevente. Opera attraverso gli stessi mezzi della magia bianca ma chiaramente predilige contattare esseri spirituali ad un livello molto inferiore che spesso tendono a realizzare le richieste di chi riesce a contattarli per avere una contropartita energetica non indifferente che prima o poi consumerà l’operatore. Rende il mago schiavo. Detto questo qualcuno ricava e distingue la MAGIA ROSSA e quella VERDE. Quest’ultima è spesso associata, in maniera errata, a percorsi spirituali come il druidismo o la wicca. È sbagliato pensare che si pratichi solo questo aspetto. Viene etichettata come verde tutta quella pratica magica che utilizza piante e corrispondenze legate ad esse per agire sulla realtà e sul piano materiale. Tutti i siti ed i forum di magia ad esempio propongono una loro versione degli erbari. Ricordate che, come tutti i percorsi esoterici e/o magici anche queste informazioni un tempo erano nascoste, codificate e trasmesse a pochi, a volte ad una sola persona. Dunque credo sia sensato non credere a tutto quello che si legge. Ciò che invece ricade all’interno della MAGIA ROSSA, pare sia tutto ciò che ha a che fare con i sentimenti e la costrizione. Utilizza formule ed incantesimi per legare due persone agendo contro la volontà ed il libero arbitrio di uno dei due o di entrambi. È anche in grado di separare ciò che i veri sentimenti hanno unito. Adesso vi chiedo se non è forse anche questa magia nera. In fondo si lavora contro l’ordine ed il libero arbitrio. Nella magia rossa è previsto anche l’uso di strumenti magici naturali come erbe ed affini, e non è forse questa magia verde? Capite bene che il confine è labile. A mio avviso non si può parlare esclusivamente di magia delle candele, ad esempio, poiché ogni rito che si rispetti porta con se l’utilizzo più o meno consapevole delle candele mentre è tristemente famosa la MAGIA SESSUALE, perché si crede abbia a che fare con contesti spesso negativi come il Satanismo ma vorrei ricordarvi che anche il TANTRA è una forma di magia sessuale e che il TAOISMO cinese usa tecniche e meditazioni per trasformare l’energia sessuale. Cambia solo l’intenzione e ciò dipende da persona a persona e dagli scopi che mi sono preposto, da ciò in cui credo e da quale parte io abbia deciso di schierarmi.

Commenti