Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

San Valentino se ne è andato

10

Vi regalo qualche riflessione sulla festa appena conclusa, perché le aspettative sono importanti ma lo sono anche le delusioni.
Vi propongo di fermarvi per un momento e di meditare su ciò che è accaduto nella giornata del 14 febbraio scorso.
Innanzitutto una domanda: quanti di noi sanno perché san Valentino proteggerebbe gli innamorati? Ve lo racconto.
San Valentino era il vescovo di Terni, autore di numerosi miracoli ma diventa il Santo protettore degli innamorati o “santo dell’amore” celebrando il matrimonio fra il legionario romano Sabino ed la giovane cristiana Serapia. Il 14 febbraio 273 d.C. San Valentino viene ucciso, per ordine del prefetto romano Placido Furio. La sua colpa sarebbe stata quella di aver sostituito con un sacramento religioso cristiano l’antico rito pagano della festa della fertilità, i Lupercalia, consacrato al dio Lupercus. Il 14 febbraio quindi è la data di un omicidio.. Proteggere gli innamorati non è poi un grande affare!!!

Non voglio neppure immaginare né sapere i possibili anelli, cuoricini cioccolatini e rose rosse, cene a lume di candela, massaggi erotici.. noi umani ci siamo impelagati in sabbie mobili dalle quali l’uscita è complicata.
Altra domanda: Cosa avete combinato il 14 febbraio?
Scenari possibili:
Siete in coppia da qualche decennio: Valentino è un nome che ormai non viene nominato da anni.
Siete in coppia da qualche anno e ci sono stati segnali di crisi violenta, San Valentino forse è stato recuperato.
Siete una coppia che si frequenta da qualche mese e probabilmente vi siete gettati bulimicamente in un’orgia di cene, rose rosse, calzini, sex toys e ritiri in spa con massaggi in coppia.
Se siete una coppia che si frequenta da qualche giorno, il 14 può essere diventato un ponte:
“Mi, gli piaccio,mi ha invitato a cena, siamo noi due soli”
“Non gli interesso” esce con gli amici.
Più complicato quando l’amore non è ufficiale ma nascosto, quindi messaggi, foto di cuoricini e lacrime di nostalgia diventano acredine verso l’amore ufficiale.

Ben sappiamo che la festa di San Valentino è più amata dalle donne, quelle che ancora credono che la relazione a due sia il viatico per la felicità e che il biglietto che troveranno dentro il bacio perugina (esiste ancora?) sia il mantra che le condurrà all’illuminazione amorosa.
Per gli uomini spesso è l’ennesima scocciatura alla quale si devono adeguare per sottolineare al mondo intero che anche loro sono romantici e sentimentali, che anche loro dormono abbracciati ad un cuore enorme di peluche e che le rose rosse sono importanti perché i petali rossi sono migliori di quelli bianchi delle margherite m’ama non m’ama.

Certo, dovremo smetterla con queste feste imposte e programmate. Decidere senza confusioni e litigi se avere un giorno d’amore, quello proprio della coppia, quello che noi due ce ne andiamo a cena senza i pupi, senza amici, senza televisione e soprattutto senza cellulare.
Questa è l’ultima domanda che segue la riflessione più importante:
che regalo avete fatto al vostro cellulare per San Valentino?
Che diciamolo pure, è l’amante. Vostro ed anche del vostro compagno/a. Perché sicuramente “Smart” è stato dignitosamente chiuso nella borsetta ed ogni tanto controllato velocemente (scusa attendo un messaggio) o addirittura abbandonato con leggerezza sul tavolo per poter sfiorare con gli occhi i cambiamenti di luce dello schermo.. ci saranno stati selfie poco dignitosi fatti in camera da letto in momenti di intimità (da ricordare?), wattsup che vi hanno allontanano dalla bocca dell’altro per permettervi di controllare chi vi ha scritto, o foto dei fiori ricevuti e del cibo acconciato nel piatto del ristorante “noi due soli”, del vostro tacco 18 e del suo stupendo giubbotto preso in saldo… una relazione a 4. Voi due ed i vostri SmartPhone.
Milioni di disattenzioni “all’amato” per il vero amore: lo Smartphone.

Se non lo avete ancora fatto, vi consiglio di rimediare subito con un nuovo cover, o degli auricolari, dei vetri temperati, un nuovo adattatore.
Se qualcosa nel vostro San Valentino non vi è piaciuto, rimediate, regalate al vostro amore qualche accessorio diverso, colorato e divertente. Smartphone I love U.

Ringraziamo il grande Pietro Vanessi e le sue stupende vignette.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci