Come mantenersi la Gina fresca ed accogliente

di

Cura, manutenzione, attenzione.

Oggi vi parlerò di come fare la “manutenzione” della vagina, di come mantenerla in forma e curata. Della vulva si parla sempre poco e male per cui credo che questo mio articolo possa essere interessante e possa stimolare a prendervi cura di Lei.

Il primo consiglio che voglio dare è quello di lavarLa (la Regina) solamente con l’acqua, di non usare il sapone, Ella non ha un buon rapporto con gli ingredienti chimici anche se sono profumi.

Lavatevi con l’acqua e, se proprio volete, potete aggiungere un cucchiaino di bicarbonato od uno di aceto bianco biologico.

Secondo consiglio: usate le mutande il meno possibile. Questo perché? La Vagina è un orifizio, come la bocca. E’ una mucosa, vascolarizzata e ricca di batteri. Le mutande sono di materiale sintetico, quindi, immaginate di mettere una mascherina di nylon davanti alla bocca e di tenerla tutto il giorno e tutta la notte. Nello stesso modo in cui la bocca non respirerebbe e si accentuerebbero infezioni, così purtroppo accade alla vostra vagina visto che, chiaramente, non respira.

Ci hanno sempre detto che le mutande proteggono la vagina. E’ chiaro che è un messaggio che parla non solo di salute fisica ma anche di prevenzione diciamo sessuale. E’ chiaramente un messaggio di tipo culturale. Del resto le mutande sono entrate nell’uso comune all’inizio del 1900.

Per iniziare, innanzitutto dormite senza mutande, abituatevi a sentirvi libere, a far respirare la vostra Regina. Poi, quando usate i calzoni larghi, le gonne ed i camicioni abbondanti, approfittatene per stare senza mutande. Questo potete farlo a casa, al lavoro, quando passeggiate. Potreste anche giocare come ha fatto Sharon Stone in Basic Istinct… che ne dite?

Terzo consiglio: quando indossate le mutande, mi raccomando usatele di fibre naturali, come il cotone, la canapa o il bambù. Spesso il colore bianco indica che il tessuto è stato sbiancato con la varechina, non che il cotone è cotone naturale. Può anche essere stato tinto con delle sostanze chimiche visto che il colore del cotone non è originariamente bianco ma di un bianco/beige.

Quarto punto: mettetevi la crema.

Normalmente mettiamo la crema sul viso, sul corpo, mai sulla vulva. Anche questa parte del nostro corpo ha bisogno di essere idratata e nutrita. Vi posso suggerire del buon olio di mandorle, olio di enotera, del burro di karitè. Fatelo tutti i giorni, anche alla sera prima di andare a dormire. Non solo sulla vulva ma anche nella vagina, che ha bisogno di essere idratata e nutrita.

Semplicemente, prendiamoci cura. E’ una parte del corpo importantissima. Non dobbiamo ricordarci di Lei solo in due occasioni: sessualità e maternità.  Curiamola/curiamoci ogni giorno.

https://youtu.be/bl3IvgliQt0