Giuseppe Calaciura: il tessitore di sogni

di
Ha fondato insieme a Saro Pizzuto, Salvo Musumeci, Eliana Esposito il Teatro del Canovaccio

I nati il 15 maggio hanno il dono di saper esemplificare in modo naturale ciò a cui gli altri inconsciamente mirano ecco perché tutti in genere ne sono attratti senza sapere bene il perché. La materia da cui traggono ispirazione è tratta dalla vita di ogni giorno ma hanno la meravigliosa capacità di trasformare questa sostanza terrena attraverso un’alchimia creativa in un arazzo capace di arrivare dritto al cuore. Ha fondato insieme a Saro Pizzuto, Salvo Musumeci, Eliana Esposito il Teatro del Canovaccio teatro che da anni propone sperimentazione teatrali e ospita rassegne di autori e attrici di grande interesse e innovazione.

Chi è Giuseppe Calaciura? Qual è la sua Mission?

Sono un ragioniere con un pessimo rapporto con numeri conti e per questo ho virato un po’ su altre rotte certamente più interessanti fino a giungere al teatro!!

Vent’anni fa mi sono avvicinato al teatro frequentando corsi prima a Catania e poi a Roma da cui sono tornato bello carico e ho cominciato quasi subito con ruoli più o meno interessanti al cinema ed in tv che incorniciavano la nascente storia teatrale!!

Non so se è una mission…ma io vorrei solo raccontare storie, storie dei personaggi che interpreti, storie che possano parlare a chi guarda…non sono mai stato un esibizionista e ancora oggi mi vergogno!!!

Che cos’è il Teatro?

Il teatro è stata una scommessa grande, a360 gradi perché abbraccia il mio essere attore ma anche il mio essere operatore teatrale; con il Teatro del Canovaccio Saro Pizzuto, Salvo Musumeci, Eliana Esposito ed io abbiamo provato a mettere su una realtà basata sul rispetto, la progettualità ma soprattutto sulle Persone! Persone che possono fare la differenza ma su cui si investe sempre meno!!

Lavori in corso e indicazioni di contatto

È iniziato un laboratorio stabile di improvvisazione teatrale e, a maggio, tornerò sul palco…

Se sei coraggioso/a… ma anche se non lo sei, Se ami l’adrenalina…ma anche no, Se sei timido/a….ma anche no, Se sei curioso/a…ma anche no, Se sei biondo/a…ma anche no, Se sei per sei… Dal 12/03/2019  al  28/05/2019 il martedì dalle 20 alle 22. giuseppe@teatrodelcanovaccio.it  Whatsapp: 328.4254497

Come si diventa attori?

Un attore come me fa molta, molta fatica; io ho bisogno di stupirmi, di sognare, di crescere, di essere proiettato in una dimensione più grande di quella che vivo quotidianamente!!

Oggi invece, al cinema o in televisione viene richiesto di interpretare la quotidianità, la realtà: sei bravo se riesci ad essere i più mafioso dei mafiosi veri o più duro e più corrotto degli altri!!

Io non ho bisogno di vedere o interpretare la parte marcia che mi circonda ogni giorno… per me il cinema, la televisione, il teatro sono bolle di sapone meravigliose che quando scoppiano ti lasciano dentro la meraviglia e la magia della fantasia, dei colori…qualunque essi siano!!!

Si può parlare di argomenti terribilmente drammatici ma in maniera sorprendente!!!!

Ho bisogno di sorprendermi… Ho bisogno di incontrare pensieri più grandi dei miei!!

 

Esiste un rapporto non scritto tra regista e attore?

Credo ci sia sempre una sorta di contrattazione tra regista e attore, il regista propone un vestito e l’attore cerca di indossarlo proponendo le modifiche che secondo lui possono giovare a perché il vestito cada nel migliore dei modi!!

Il problema nasce quando entrambi non hanno le idee chiare su cosa proporre!

La fusione tra personaggio e attore

Io non ho mai creduto alla fusione tra personaggio e attore… Però credo che un buon attore possa indossare il personaggio con grande comodità al punto da sembrare perfetto per quel ruolo…Ma che di base gli somiglia già!

Si possono fare più spettacoli contemporaneamente?

Sì, personalmente c’è stato un tempo in cui facevo di tutto contemporaneamente: magari tre sessioni di prove di spettacoli diversi al giorno o magari la mattina fiabe nelle scuole e la sera spettacoli nei teatri… ma tutti gli attori hanno fatto, fanno e faranno questa vitaccia…E forse non saprebbero farne a meno!!! Ovviamente la quantità non è amica della qualità… Ma è l’unico modo Per sbarcare il lunario… soprattutto viste le condizioni in cui versa il teatro adesso!!!

Consigli ai giovani questo mestiere?

Consigli ai giovani che vogliono intraprendere questa strada è veramente difficile darne, questo mondo è davvero affascinante, se ci entri e lo assapori è veramente difficile farne a meno… ma è fondamentale capire il momento storico, In questo momento, dal punto di vista lavorativo, si corre il rischio di essere illusi e poi abbandonati Ma tu dal punto di vista della conoscenza di sé stessi e dal punto di vista umano lo consiglierei a tutti.

Consiglio della Sibilla

L’amore in senso spirituale può rappresentare il livello più alto di seduzione. Soprattutto i punti di sospensione che fanno parte della caratteristica ortografica dei nati in questo giorno…la libertà spirituale soggiorna proprio nei punti…