Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Sequestro pescherecci: Musumeci scrive al premier Conte

Per arrivare a una rapida soluzione nella vicenda del sequestro dei due motopescherecci di Mazara del Vallo

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO – Un intervento, presso le autorità libiche, per arrivare a una rapida soluzione nella vicenda del sequestro dei due motopescherecci di Mazara del Vallo. Lo ha chiesto il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, con una lettera inviata al presidente del Consiglio dei ministri Giuseppe Conte.

«Ormai da alcuni giorni – scrive il governatore – non si hanno più notizie dei due motopescherecci di Mazara del Vallo ”Antartide” e “Medinea”, sequestrati il primo settembre a 35 miglia a nord di Bengasi. Interpretando il sentimento non solo delle famiglie dei diciotto marinai a imbarcati ma dell’intera Comunità siciliana, Le chiedo un Suo autorevole intervento, presso le autorità libiche, affinché si pervenga ad una rapida e indolore soluzione della triste vicenda, che sta creando sgomento e inquietudine nella mia Isola».

“Chiediamo al Governo nazionale di attivarsi per un efficace e tempestivo controllo delle acque del Mediterraneo nelle quali operano le barche da pesca siciliane, affinché venga tutelata l’incolumità di equipaggi e pescatori, nella piena e corretta applicazione delle norme vigenti in materia”. Lo dice l’assessore per la Pesca Mediterranea del Governo Musumeci, Edy Bandiera, dopo i recenti fatti verificatisi a largo delle coste siciliane.

E’ di ieri notte, infatti, la notizia di un gravissimo atto di pirateria a danno di una barca da pesca della flotta lampedusana da parte di una barca tunisina, che ha effettuato un abbordaggio, che ne avrebbe quasi causato lo speronamento, all’interno della fascia costiera delle 12 miglia, quindi in acque territoriali italiane. Per quanto riguarda, invece, il recente sequestro di due motopesca mazaresi avvenuto nei giorni scorsi da parte di autorità libiche a Nord di Bengasi, “restiamo in contatto con la Farnesina affinché si giunga, nel più breve tempo possibile, al dissequestro dei due pescherecci, Antartide e Medinea. E’ una situazione che non possiamo più sostenere, il Governo nazionale e l’Europa, si occupino del mediterraneo, sempre più ridotto a Far West” .

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci