Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Canicatti’, dopo venti anni in sicurezza strada rurale

Riguarda la strada esterna che collega a Canicattì, nell’Agrigentino, la strada statale 123 con le contrade rurali “Vecchia Dama”, “Dammuso” e “Capo d’Acqua”. L’inizio dei lavori è previsto entro il mese di settembre

9

AGRIGENTO – Un intervento che si attendeva da vent’anni e che ora verrà realizzato, grazie alla Struttura commissariale contro il dissesto idrogeologico guidata dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. È quello che riguarda la strada esterna che collega a Canicattì, nell’Agrigentino, la strada statale 123 con le contrade rurali “Vecchia Dama”, “Dammuso” e “Capo d’Acqua”. L’inizio dei lavori è previsto entro il mese di settembre.

«Ben consapevoli – commenta il governatore Musumeci – delle gravi carenze del sistema stradale, soprattutto quello secondario, e delle difficoltà che l’utenza è costretta a subire quotidianamente negli spostamenti, prosegue incessantemente il nostro impegno per migliorare la situazione complessiva della viabilità nell’Isola».

La “Euroinfrastrutture – Mammana lavori” – un’associazione temporanea di imprese con sede legale a Santa Venerina – si è aggiudicata, per un importo di un milione e 375 mila euro, la gara per la riqualificazione e l’ammodernamento del tratto di strada che consentirà agli agricoltori, agli operatori economici del distretto e ai residenti delle tre contrade, di raggiungere lo svincolo che porta al centro della città o di dirigersi verso Licata o Ravanusa.

Un’opera attesa da tanto tempo: risale infatti al 17 ottobre del 2000 la delibera con la quale il Comune di Canicattì affidava a un professionista esterno la redazione di un progetto per il rifacimento di questo tracciato.

Lungo circa tre chilometri e mezzo, il percorso oggi presenta gravi anomalie, con fessurazioni longitudinali e trasversali, cedimenti e buche. Le sezioni stradali saranno ora dotate di opere per lo smaltimento delle acque, cunetti e fosse di guardia. Prevista anche la costruzione di muri di controripa per il mantenimento della scarpata e di muri di sostegno.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci