Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Schadenfreude: quando il pensiero delle disgrazie altrui ci gratifica e ci rende felici

L’essere umano semina un pensiero e raccoglie un'azione; semina un'azione e raccoglie un'abitudine; semina un'abitudine e raccoglie un carattere; semina un carattere e raccoglie un destino

Tempo di lettura: 2 minuti

Il termine tedesco deriva da Schaden che significa “danno” e Freude che significa “gioia”. Un innegabile senso di soddisfazione: insomma, le disgrazie altrui ci gratificano. Quasi tutti almeno una volta nella nostra vita abbiamo gioito di una disgrazia capitata ad altre persone: ci può anche stare, magari era una carogna e se lo meritava! Ma farlo e provarlo sistematicamente è una vera e propria patologia che in italiano ha il suo corrispondente: si chiama aticofilia, e quando c’è il suffisso filia non si scherza siamo di fronte ad un disturbo di personalità vero e proprio. Non serve notare che la seconda parte del nome in tedesco contiene il cognome Freud che a questo punto sappiamo che più o meno significa “gioia” per buona pace del grande psicanalista. Ma la Schaden della prima parte farebbe al più riflettere che avere una gioia del danno altrui dovrebbe portarci soddisfazione. E chi soffre di questa problematica spesso rasenta il sadismo, il narcisismo maligno, l’invidia patologica:  colui è veramente felice e soddisfatto delle disgrazie altrui?
In questo momento poi che chiusi a casa abbiamo soltanto aumentato l’intensità delle nostre patologie, questi sfortunati, per me sono loro da compatire, cioè coloro che normalmente provano piacere dalle disgrazie degli altri , verso chi riverseranno il loro compiacimento?
Ora che abbiamo ricevuto questa occasione di essere utili gli uni agli altri; di riflettere sui nostri spazi; di cercare nuove opportunità; di osservare, si spera in pochi, il nostro fallimento: ora queste “care” persone di cosa potrebbero gioire?
Da un punto di vista psicosomatico c’è una spiegazione a questo disturbo: vedere che una persona di successo è incappata in un fallimento migliora la nostra autostima. Pare che il godimento nel constatare le sfortune altrui è un meccanismo che ha sede in una parte del cervello chiamata “striato ventrale”, la stessa che si attiva nei meccanismi di piacere e ricompensa. Come la “bava” del campanello che annunciava la “pappa” del cane di Pavlov. Il meccanismo alla base di tutto questo è il confronto sociale: questo compiacimento malevolo si fonda sulla constatazione che, quando le persone intorno a noi subiscono eventi sfortunati, guardiamo meglio noi stessi, specie se la nostra autostima è bassa.
Non avendo “nessuna” disgrazia su cui gioire in questo momento storico, considerato l’enorme afflusso dei colleghi terapeuti su internet, si potrebbe optare per un bonus di terapia online: forse per loro è arrivato il momento del cambiamento. Intanto pubblichiamo questa bellissima e terapeutica poesia di Swami Sivananda, che anche se non vi riguarda per la problematica illustrata sulla aticofilia o Schadenfreude, potrebbe essere utile a voi e i vostri cari.
“La potenza del pensiero muta il destino.
L’essere umano semina un pensiero e raccoglie un’azione;
semina un’azione e raccoglie un’abitudine;
semina un’abitudine e raccoglie un carattere;
semina un carattere e raccoglie un destino.
L’essere umano costruisce il suo avvenire
con il proprio pensare ed agire.
Egli può cambiarlo perché ne è il vero padrone”.

la foto in copertina è un particolare del dipinto di Hieronymus Bosch I sette peccati capitali: l’invidia.

 

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci