Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

5 dicembre seminario su Le malattie da internet organizzato dall’ Istituto comprensivo Dusmet- Doria e Ugl Etnea

7

CATANIA – Si terrà domani, a partire dalle 14.30 nell’aula magna dell’Istituto comprensivo “Dusmet – Doria” di Catania, in via Case Sante n° 32, il seminario “Le malattie da internet”, organizzato dalla Ugl etnea in collaborazione con l’istituzione scolastica catanese. Dopo i saluti del segretario generale territoriale Giovanni Musumeci, si terranno gli interventi di Orazio Trovato nefrologo e direttore sanitario della clinica “Diaverum” di Acireale, della psicoterapeuta Annalisa Nicolosi, di Vito Burgì ceo di Labsfor, Toni Palermo, dirigente medico del reparto di pediatria dell’ospedale “Garibaldi” di Catania e del vice questore e vice dirigente del compartimento della Polizia postale di Catania Gabriele Piazza. Moderatrice dell’incontro sarà Carolina Vitale, dirigente medico del reparto di cardiologia dell’ospedale “Garibaldi” di Catania e coordinatrice scientifica del progetto “Educazione Continua alla Prevenzione”, patrocinato dalla Ugl di Catania nell’ambito delle iniziative sociali e culturali organizzate per l’anno in corso.

Da tempo si parla di dipendenza dalla Rete: Internet addiction (la sigla è IAD). Spesso però vi è da parte dei genitori una tendenza a drammatizzare, confondendo l’uso eccessivo, comunque problematico, con una vera patologia: malattia che riguarda una piccola minoranza degli utenti della Rete (tra l’1% e il 9%). Le quattro caratteristiche dell’internet addiction. La dipendenza dalla Rete, a detta dello psicologo Jerald J. Block, è una patologia che si presenta con quattro caratteristiche ben precise.

  • Uso eccessivo associato alla perdita della cognizione del tempo e che finisce per far trascurare i bisogni fondamentali come l’alimentazione e il sonno.
  • Chiusura verso l’esterno, con sentimenti di rabbia, tensione e/o depressione quando il computer non è accessibile.
  • Persistenza, con richieste di nuove dotazioni tecnologiche, migliori software, più tempo per stare al computer.
  • Ripercussioni negative, come frequenti litigi con i familiari, facilità nel mentire, ridotta produttività professionale o scolastica, isolamento sociale, stanchezza.

La fascia di popolazione più a rischio è quella degli adolescenti. Raro che si arrivi a sintomi depressivi, però. Spesso si parla solo di “information overload” (qualcuno parla di “infobesità”) o, più prosaicamente, di “technostress”.

Il seminario chiarirà diversi aspetti di questa inquietanti patologie e strumenti su come fronteggiarle.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci