Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Palermo: sospetta intossicazione da botulino, 23 in ospedale Cefalù

Sale il bilancio dei pazienti giunti al Giglio. Nove sono stati dimessi, 3 in terapia intensiva

Palermo, 1 ott. – In meno di 36 ore 23 pazienti si sono presentati al pronto soccorso della Fondazione Giglio di Cefalù (Palermo) con sintomi neurologici. La prima diagnosi dei sanitari è di sospetto avvelenamento da botulino. Diagnosi che dovrà essere confermata dall’Istituto superiore di sanità di Roma a cui la Fondazione Giglio ha già inviato, ieri pomeriggio, i primi campioni (siero, feci, aspirato gastrico) prelevati dai pazienti giunti in pronto soccorso. La Fondazione Giglio attraverso il Cav (Centro antiveleni di Pavia), con cui è costantemente in contatto sin dal primo paziente, ha reperito l’antidoto, presente in un altro ospedale siciliano.

Il numero di pazienti rivoltosi al pronto soccorso è salito di ora in ora facendo registrare questo pomeriggio il 23esimo accesso in ospedale. “Stiamo seguendo – ha detto il direttore sanitario SalvatoreVizzi – l’evoluzione epidemiologica essendo importante il numero di soggetti che avrebbero condiviso il pasto in una mensa aziendale. Siamo in stretto contatto con il Dasoe dell’assessorato regionale allaSanità”.

Dei 23 pazienti accettati dal pronto soccorso del Giglio, tre sono stati trasferiti, ieri sera, in terapia intensiva, al ‘Cimino’ di Termini Imerese, 4 sono stati ricoverati in Medicina, uno in Neurologia e nove sono stati dimessi. Sei, al momento, sono in osservazione nell’area di emergenza dell’ospedale di Cefalù. “La patologia – ha spiegato il responsabile del pronto soccorso Emanuele Sesti – è evolutiva pertanto i pazienti vengono costantemente monitorati”.
(Adnkronos)

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci