Sicilia Report
Sicilia Report

Palermo: ok a bilancio Comune, soldi tram dirottati su emergenze città

Palermo, 31 dic. – Arriva all’alba il sì di Sala delle Lapidi al bilancio del Comune di Palermo. Ma con un’amara conclusione per Orlando: il tram è fuori e la maggioranza ne esce spaccata. Il documento viene approvato con 16 voti favorevoli, 9 astenuti e un contrario e con Sinistra Comune che lascia l’aula. Passano gli emendamenti della minoranza che bloccano l’accensione di un mutuo di oltre 20 milioni di euro, che il sindaco aveva destinato al completamento delle linee del tram, e spostano i 17 milioni provenienti dall’avanzo vincolato – anche questi destinati al tram – alle “vere emergenze” della città: cimiteri (3,5 mln), manutenzione strade e marciapiedi (oltre 10 mln) e edilizia scolastica (5,5 mln).

Bottone 980×300

Ma non è tutto. Passa anche un emendamento che impegna l’amministrazione, nel bilancio 2021-2022, a destinare somme per il personale in servizio presso il Comune e, in particolare, “per l’aumento delle ore di tutte le categorie part time fino alle 34 ore settimanali e all’assunzione di nuovo personale”. “Il tentativo dell’amministrazione Orlando di mettere sul tram le poche somme disponibili libere nel bilancio è naufragato – sottolinea il capogruppo della Lega Igor Gelarda – Si tratta di una dura sconfitta politica per il sindaco Orlando, frutto in realtà di una profonda presa di coscienza di quasi tutto il consiglio comunale. E’ chiaro che da questo momento il sindaco non ha più una sua maggioranza e che si navigherà a vista, e male, fino a fine consiliatura”.

“Il Consiglio comunale, con un lavoro trasversale fra gruppi di minoranza e maggioranza, ha riportato sulla terra il sindaco di Palermo e la sua giunta – sottolinea il M5S – destinando le somme dell’avanzo vincolato del 2021 alle vere emergenze della città e dellesue periferie: strade, scuole, cimitero, progettazione”. Anche il Pd vota il bilancio ma con molte riserve, soprattutto riguardo la proposta di aumento della Tari. “E’ troppo poco credere che la tariffa Tari non crescerà per i prossimi anni basandosi solo su presunte economie o su attività virtuose non ben definite – dicono – Abbiamo presentato un ordine del giorno che impegna il sindaco a non aumentare la Tari e da tempo chiediamo l’applicazione del regolamento che prevede uno sconto in tariffa per quei cittadini che effettuano correttamente la raccolta differenziata. Purtroppo dobbiamo prendere atto che le nostre istanze sono state accolte solo in parte”.

“Il Consiglio ha votato un atto indispensabile per la vita della città, trovando lo spazio per alcune modifiche importanti che mirano adare una prima risposta alle necessità più urgenti della città – affermano i consiglieri di Avanti Insieme – Ci sembra importante che il Consiglio abbia dato un contributo per rendere concreta la volontà espressa anche in aula dal sindaco di compiere scelte che migliorino effettivamente la vita quotidiana dei palermitani e valorizzino il personale”.
(Adnkronos)

Commenti