spot_imgspot_img
HomeProvincePalermoL’Associazione Enohobby Club Confraternita Panormita e il suo presidente, Rozenn Cancilla

L’Associazione Enohobby Club Confraternita Panormita e il suo presidente, Rozenn Cancilla

L’Associazione, che non ha fini di lucro, ha lo scopo di sviluppare, attraverso convegni, tavole rotonde, visite a stabilimenti vinicoli, enoteche, mostre e riunioni conviviali, un maggior impulso alla conoscenza dell’enologia e della gastronomia, con particolare riguardo a quella siciliana, combattendo le sofisticazioni che spesso gravitano attorno a queste discipline

L’Associazione, che non ha fini di lucro, ha lo scopo di sviluppare, attraverso convegni, tavole rotonde, visite a stabilimenti vinicoli, enoteche, mostre e riunioni conviviali, un maggior impulso alla conoscenza dell’enologia e della gastronomia, con particolare riguardo a quella siciliana, combattendo le sofisticazioni che spesso gravitano attorno a queste discipline.

Pubblicità

Susanna Basile: “Quando e come nasce l’Enohobby Club Confraternita Panormita?”

Rozenn Cancilla: “L’Enohobby Club Confraternita Panormita nasce nel 1991, Presidente fondatore mio marito Mario Ziniti. Padrino l’Enohobby Confraternita Meneghina. L’iniziativa ha subito un riscontro molto favorevole perché in Sicilia il buon vino, la buona tavola e l’importanza di tenere vive e tramandare le nostre tradizioni sono molto sentiti. Così si comincia a collaborare e a gemellarci con altri Club aderenti alla Comunanza degli Enohobby d’Italia con sede nel Castello di Gradara. Via via l’attività del Club si è estesa anche all’estero con l’adesione alla Federation Internationale des Confréries Bachiques con sede a Parigi. Da lì nascono incontri con la Commanderie du clos Montmartre e la Confraria do Vinho do Porto”.

S.B.: “Chi sono gli Enohobbisti?”

R.C.: “Gli Enohobbisti sono in prevalenza professionisti amanti della buona tavola e del vino di qualità che si propongono come ambasciatori per far conoscere “il buon prodotto” del territorio e indirizzare i consumatori nell’arte del bere. I Confratelli indossano tuniche bordeaux bordate di verde, a ricordare i colori del vino e dei tralci chiuse da una fibbia in ottone, collari con medaglione con l’effigie di Bacco e cappelli neri rotondi con falda”.

S.B.: “Come si può diventare Confratelli?”

R.C.: “Per diventare un Confratello si deve presentare una domanda di ammissione ed essere presentato da due soci, di cui uno parte del Direttivo. Dopo di ché dovrà partecipare a un paio di attività del Club, al fine di essere motivato nella propria scelta e di farsi conoscere e apprezzare dagli altri Confratelli. Una volta accettata la domanda, si svolgerà la cerimonia solenne d’intronizzazione, che si tiene di norma una volta l’anno in occasione del Capitolo”.

S.B.: “Quali sono le vostre finalità?”

R.C.: “Le nostre finalità statutarie ci portano a sviluppare, attraverso riunioni, conviviali, convegni estesi a Confraternite italiane e estere, visite a stabilimenti vinicoli, un maggiore impulso alla diffusione della cultura enogastronomica, con particolare riguardo a quella siciliana, di cui siamo ambasciatori in Italia e in Europa”.

S.B.: “Come opera all’interno della Federazione Italiana Circoli Enogastronomici?”

R.C.: “Una svolta importante alla nostra attività è stata data dalla nostra affiliazione alla FICE (Federazione Italiana Circoli Enogastronomici). Da lì i rapporti, i gemellaggi e gli scambi con le altre Confraternite, la partecipazione all’Assemblea Generale, che si tiene ogni anno a Verona, e ai Raduni Nazionali, che si svolgono nelle regioni dei Club che si propongono. Il nostro Raduno Nazionale FICE a Palermo nel 2016 è stato un grande successo e ha fatto apprezzare moltissimo le nostre attività in seno alla Federazione”.

S.B.: “Quali sono le prospettive per il futuro?”

R.C.: “La nostra Confraternita è stata sempre proiettata nel futuro in parallelo all’evoluzione dell’enologia siciliana. Ampliamo vieppiù le relazioni con i produttori, con gli Assessorati Regionali pertinenti alla nostra attività e con i ricercatori dell’Università di Palermo, per la quale abbiamo istituito una borsa di studio “Premio Mario Ziniti” per gli studenti del Corso di Laurea in Viticoltura e Enologia. Sono sempre nella nostra programmazione gli inviti alle altre Confraternite italiane e straniere per far loro conoscere l’enogastronomia siciliana e le bellezze naturalistiche e architettoniche della nostra terra”.

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Susanna Basile
Susanna Basilehttp://www.susannabasile.it
Susanna Basile Capo Redattore Psicologa e sessuologa
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli