15.8 C
Catania
martedì, Aprile 23, 2024
spot_imgspot_img
HomeCronacaDottoressa aggredita in guardia medica Villabate, arrestato aggressore

Dottoressa aggredita in guardia medica Villabate, arrestato aggressore

Palermo, 15 ott. – E’ stato arrestato l’uomo che ieri sera ha aggredito una dottoressa in servizio alla Guardia medica di Villabate, nel Palermitano. Si tratta di un 32enne che ieri sera si è presentato nei locali di corso Vittorio Emanuele per richiedere una visita domiciliare per la madre. Quando il medico ha iniziato a richiedere alcuni dati per compilare i documenti necessari ad attivare il servizio, l’uomo sarebbe andato su tutte le furie e l’avrebbe aggredita.

Pubblicità

La dottoressa è riuscita a chiedere aiuto e il 32enne è stato rintracciato poco dopo dai carabinieri. Per lui sono scattate lemanette con l’accusa di violenza e minaccia.

La Direzione aziendale dell’Azienda sanitaria provinciale di Palermo esprime “la massima solidarietà, supporto e appoggio” al medico del servizio di continuità assistenziale di Villabate (Palermo) aggredito la notte scorsa dal familiare di un paziente. “Ancora una volta è avvenuto un fatto molto grave – dice il direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni – un fatto avvenuto all’interno di un presidio in cui il medico agisce sempre nell’esclusivo interesse del paziente, nel rispetto di norme deontologiche e nell’esercizio delle sue funzioni. E’ stata una vile aggressione ai danni di un professionista appartenente al mondo della sanità che tutti, giustamente, elogiamo per l’impegno e la dedizione dimostrato durante questo difficile periodo di emergenza”. La Direzione aziendale ha ringraziato i carabinieri per “il pronto intervento” preannunciando la costituzione di parte civile in un eventuale giudizio.

“Un atto di violenza nei confronti di un camice è un’aggressione allo Stato. Esprimo massima vicinanza nei confronti della professionista della Guardia medica di Villabate aggredita e sono grato ai carabinieri che hanno prontamente arrestato chi si è macchiato di tale infamia. Come previsto, l’Asp di Palermo si costituirà parte civile nel processo in cui stavolta potrà essere applicata la nuova legge che introduce delle aggravanti nel caso in cui i fatto siano commessi a danno di operatori sanitari. Le pene possono arrivare fino a 16 anni”. Lo dice l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza.
(Adnkronos)

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione PA
Redazione PA
Redazione Palermo
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli