Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280
Foto archivio ©SR.it

Continua abbandono ingombranti a Palermo, a febbraio 9mila rimossi

Incivili ancora in azione a Palermo, personale Rap, l'azienda di igiene ambientale, continua a riscontrare episodi di abbandono abusivo di rifiuti

Palermo, 3 mar. – Incivili ancora in azione a Palermo. Il personale Rap, l’azienda di igiene ambientale, continua a riscontrare episodi di abbandono abusivo di rifiuti ingombranti e pericolosi accanto ai cassonetti e su strada. Nelle ultime 48 ore tecnici e operatori dell’azienda hanno segnalato scarichi illegali in diverse aree della città. Lo scorso anno sono state circa 5mila le tonnellate di rifiuti ingombranti abbandonati su strada. Gli ingombranti rimossi nel mese febbraio sono stati 8.965 mentre 217 le vie interessate da attività straordinarie da parte dell’azienda.

Pubblicità

“La Rap ha dovuto contrastare gli scarichi abusivi di rifiuti di grossa taglia eseguendo ben 50mila interventi – spiega il presidente dell’azienda Giuseppe Norata -. Queste operazioni mirate hanno consentito di liberare le strade da materiali sversati illegalmente: uno sforzo incredibile che ha visto impegnati i lavoratori di Rap ma che, molto spesso, è vanificato da nuovi sversamenti illegali perpetrati nell’arco di 12 ore dall’intervento di bonifica”. I ‘classici’ rifiuti ingombranti (mobili, materassi, divani) si confermano essere i materiali abbandonati con maggiore frequenza, con circa 5000 tonnellate raccolte lo scorso anno. Dati, purtroppo, che nel trend dei primi due mesi del 2021 rimangono identici. Tutti i materiali, una volta raccolti, vengono avviati alle rispettive filiere di trattamento/recupero.

“L’inciviltà dello ‘sbarazzo’ magazzini, sia essi ‘professionisti’ o occasionali, non ha subito nessun blocco nemmeno nell’anno 2020 – sottolinea il direttore generale di Rap, Roberto Li Causi -. Anche in questo anno segnato da un’emergenza sanitaria senza precedenti abbiamo dovuto impiegare uomini, mezzi e risorse supplementari per contrastare questo fenomeno di degrado urbano che ha determinato ingenti danni per l’ambiente oltre che pesanti, quanto negative, ricadute economiche con costi extra per quasi 2 milioni e 500mila euro”.

“Dopo una flessione registrata solo nel corso del lockdown nazionale della scorsa primavera – aggiunge -, gli scarichi indiscriminati di materiali di ogni sorta sono infatti ripresi con numeri preoccupanti in tutta la città costringendoci ad onerosi interventi di ripristino del decoro. Rinnovo l’invito alla cittadinanza a contattare e segnalare alla Polizia locale ogni azione e fatto che contrasti con la sicurezza e il decoro della nostra città”.
L’azienda nei prossimi giorni sarà impegnata in attività di carattere straordinario nella raccolta dei rifiuti ingombranti partendo dai quartieri dove sono stati riscontrati maggiori quantità di ingombranti soprattutto a San Giovanni Apostolo (Cep) e Borgo Nuovo.
(Adnkronos)

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: