Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Ampia platea per il webinar “Diritti religiosi e Covid-19”

L’iniziativa rientra nell’ambito di un più ampio progetto di ricerca interuniversitario coordinato dal gruppo di ricerca nazionale Diresom (Diritto, religioni e società multiculturali)

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA – Le necessarie misure di distanziamento sociale non frenano l’impegno profuso dal Dipartimento di Giurisprudenza (diretto dal prof. Francesco Astone) , finalizzato a garantire la prosecuzione delle attività didattiche e di ricerca a favore dei suoi studenti e dell’intera compagine sociale. Di tale impegno sono testimonianza le iniziative didattiche e di ricerca messe in cantiere proprio in questo periodo di comune difficoltà.
Fra queste, nei giorni scorsi, nell’ambito dell’insegnamento di Diritto Comparato delle Religioni ( proff. Domianello, Licastro, Tigano, Freni, Madera) e del Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza (prof.ssa Francesca Pellegrino), si è svolto sulla piattaforma Teams un webinar su un tema di viva attualità “Diritti religiosi e Covid-19”. Sono intervenuti i docenti Pierluigi Consorti (Università di Pisa), Maria Luisa Lo Giacco (Università di Bari), Daniela Tarantino (Università di Genova), Fabio Franceschi (Università di Roma “La Sapienza”), Luigi Mariano Guzzo (Università di Catanzaro), Md. Zakaria (Università di Dhaka, Bangladesh). Organizzazione e coordinamento: prof.ssa Adelaide Madera (Università di Messina). L’iniziativa rientra nell’ambito di un più ampio progetto di ricerca interuniversitario coordinato dal gruppo di ricerca nazionale Diresom (Diritto, religioni e società multiculturali), di cui i relatori sono membri, mirato ad indagare le interconnessioni e criticità emergenti dalla potenziale tensione fra il rispetto delle regole imposte dalle autorità civili e l’osservanza delle regole religiose, a raccogliere documenti, commenti, e altro materiale utile per gestire l’emergenza, e a studiare gli esiti delle risposte normative offerte dai diversi ordinamenti giuridici, in una prospettiva di comparazione.

I diversi contributi hanno analizzato, in particolare, quali sono state misure restrittive imposte alla libertà religiosa in diversi ordinamenti giuridici, ed il loro impatto sia nel breve sia nel lungo periodo, le reazioni (“difensive” o di cooperazione) dei gruppi confessionali nei confronti dei provvedimenti limitativi. Ampia e partecipe è stata la platea di studenti e ricercatori coinvolti. Il seminario ha visto anche la partecipazione degli allievi dell’Istituto scolastico “Farina-Basile, in quanto inserito fra le attività di orientamento del Dipartimento di Giurisprudenza (delegata prof.ssa Cinzia Ingratoci), a valere anche come attività formative POT (Orientamento alle professioni legali ed alla cultura della legalità, Responsabile prof.ssa Francesca Pellegrino).

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci