Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280
Foto archivio

San Cristoforo: pregiudicati recidivi rubano acqua e luce, arrestati

CATANIA – Nelle scorse settimane, personale del Commissariato di P.S. “Centrale”, nell’ambito di mirati servizi di controllo del territorio con particolare attenzione alla diffusa pratica del furto di energia elettrica, tramite l’allaccio diretto alla rete di distribuzione di ENEL, denunciava in stato di libertà numerose persone.
Sostanzialmente, i poliziotti supportati dai tecnici di ENEL Distribuzione, accertavano che nella totalità dei condomini presi in esame, l’80%, ed in alcuni casi, il 100% delle abitazioni erano alimentate da illeciti allacci alla rete della suddetta società.
Tale illegale e diffusa pratica ha arrecato un danno pari a circa centomila euro, non solo in via esclusiva ad ENEL Distribuzione, bensì a tutta la collettività.
Infatti, nella voce “perdite di rete”, contenuta ordinariamente nelle bollette di tutti gli utenti, gli importi dei danni derivanti da furti di energia elettrica vengono prelevati da quella voce.

Pertanto, effettuato tale primo accertamento, successivamente, venivano effettuati ulteriori controlli sugli stessi siti. In tale ultima occasione personale dei Commissariati di P.S. “Centrale” e “San Cristoforo, coadiuvati dai tecnici ENEL Distribuzione procedevano ad effettuare un ulteriore sopralluogo in uno dei siti già precedentemente verificati.
In tale ultima occasione i poliziotti procedevano all’arresto in flagranza di reato di due pregiudicati, una donna ed un uomo, R.A. (classe 1988) e T.G.L. (classe 1994). I predetti già denunciati in stato di libertà qualche settimana prima, incuranti di tale denuncia, perseverando nel loro disegno criminoso ed in concorso tra loro collegavano nuovamente alla rete di ENEL Distribuzione, i loro appartamenti ed una pompa idraulica per il sollevamento dell’acqua.
Gli arresti, venivano convalidati in sede di Udienza Direttissima ed ai rei veniva irrogata la misura cautelare, non coercitiva, dell’obbligo di firma presso gli Uffici di Polizia.

I commenti sono chiusi.