Sicilia Report
Direttore Paolo Zerbo
Montalto 336×280
Foto archivio

Boschetto della Plaia: ruba tartaruga ma cittadini chiamano la Polizia

Sabato scorso qualcuno aveva pensato bene di rubare una tartaruga all'interno della vasca ma alcuni ragazzi con la collaborazione della Polizia di Stato hanno permesso di salvare l'animaletto

CATANIA – Il 10 aprile di quest’anno sono stati piantumati 200 alberi di pino marino e immessi esemplari di carpe e tartarughe nella grande vasca bonificata all’interno dello storico polmone verde etneo, il boschetto della Plaia. Un piccolo grande polmone verde all’interno della nostra città, un centro di relax e piacevolezza per famiglie e per tutti i catanesi. Il boschetto e tutto quello che lo riguarda è un bene comune, un bene pubblico e dello Stato, ma non tutti la pensano così, o quantomeno non la pensava così il soggetto che ha creduto bene, sabato scorso, prelevare una tartaruga dalla vasca senza il benché senso civico. Ma per sua sfortuna esistono ancora persone e in questo caso si tratta di ragazzi, che hanno ben chiaro il concetto di bene pubblico e di legge, i quali alla vista del reato hanno pensato bene di avvertire la Polizia di Stato che è intervenuta immediatamente e grazie alla salda collaborazione tra sala operativa, cittadino e volante, il soggetto è stato intercettato in flagranza.

Morale della storia: tartaruga recuperata e soggetto denunciato, ma quel che è più importante è che la testuggine sia stata subito posta all’interno del suo attuale ambiente naturale.  Inutile dire, oltre a fare un plauso a questi coraggiosi ragazzi, che la collaborazione forze dell’ordine e popolazione è indispensabile, soprattutto in un momento in cui inoltre cerchiamo di risollevarci da una calamità economica e sociale come quella causata dal Covid.

I commenti sono chiusi.