Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280

San Cataldo: 69enne arrestato per sfruttamento della prostituzione

Il gip ha disposto il sequestro di tre immobili nella disponibilità dellindagato

CALTANISSETTA – Con l’accusa di sfruttamento della prostituzione la Squadra mobile ha arrestato a Caltanissetta C.F., 69 anni, di San Cataldo. Con l’ordinanza di custodia cautelare eseguita ieri dagli agenti il gip ha disposto anche il sequestro di tre immobili a Caltanissetta, nella disponibilità dell’indagato, dove sono state ospitate le prostitute. Per lo stesso reato i poliziotti hanno notificato un avviso di garanzia a un nisseno 53enne, in passato coinvolto in altre indagini per sfruttamento della prostituzione. Le indagini sono scattate dopo una violenta lite tra due prostitute di nazionalità colombiana e un cliente avvenuta a giugno 2018 in via Cappuccini, nel capoluogo nisseno. Le due donne dichiararono di essere arrivate a Caltanissetta qualche giorno prima e di essere state ospitate nell’appartamento da due connazionali, anche loro prostitute.Gli accertamenti hanno permesso di identificare il proprietario dell’immobile nel 69enne arrestato e di individuare in quell’abitazione il luogo di organizzazione, favoreggiamento e sfruttamento dell’attività di prostituzione esercitata da uomini e donne che soggiornavano a Caltanissetta per brevi periodi.

Pubblicità

La successiva attività investigativa, coordinata dalla Procura, e le intercettazioni telefoniche degli indagati hanno consentito di accertare che il 69enne, che aveva provveduto a regolarizzare i contratti di affitto, era perfettamente a conoscenza dell’attività che si svolgeva nell’immobile di via Cappuccini e in altri due di sua proprietà. “L’uomo raccomandava all’inquilina di assumere un comportamento rispettoso per evitare di incorrere in situazioni spiacevoli dovute alle lamentele dei residenti, che avrebbero richiamato controlli da parte della polizia”, spiegano gli investigatori. Inoltre, l’indagato avrebbe riscosso un canone settimanale più elevato, quasi doppio, di quello indicato nel contratto.

A seguito dell’inagibilità dell’immobile di via Cappucci, il 69enne avrebbe messo a disposizione delle donne che controllava un’altra casa di sua proprietà in via San Cataldo, raccomandando loro ancora una volta di fare attenzione per non destare sospetti tra i vicini. L’altro indagato, il 53enne, si occupava, invece, di controllare il transito delle donne in città attraverso un sito internet di annunci. Nel periodo di assenza da Caltanissetta di una delle prostitute, che periodicamente lasciava la città, quest’ultima si sarebbe rivolta proprio a lui per cercare altre prostitute e subaffittare gli appartamenti. Per il 69enne sono stati disposti gli arresti domiciliari.
(Adnkronos)

 

 

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: