Ronde civiche in azione a San Lorenzo

di

ROMA – Un gruppo di cittadini, con alcune donne in testa, stanno perlustrando San Lorenzo, “Ronde” in azione in questi giorni a San Lorenzo, il quartiere dove è morta Desirée Mariottini, la ragazza violentata e uccisa a Roma. “Ci hanno chiamato da un pub dove uno straniero infastidiva le ragazze che stavano andando a scuola. Abbiamo chiamato la polizia ed è stato bloccato”. Così parla uno dei ragazzi impegnato nelle ronde, corpo muscoloso e pieno di tatuaggi, aggiunge: “Siamo una decina di persone. I giustizieri” dice ridendo. “Ma non abbiamo mai contatti, ci limitiamo a chiamare la polizia”.

“Ci occupiamo – prosegue Valerio – di difendere gli abitanti del quartiere e lo facciamo da 5/6 anni”. Mentre parla un nordafricano a pochi passi barcolla e ha in mano una bottiglia di birra. “Fra qualche ora quello – dice Valerio indicando l’immigrato – comincerà a fare casino. Noi lo controlleremo e poi chiameremo la polizia”. Mentre Valerio cammina nelle strade di San Lorenzo molti abitanti lo salutano affettuosamente. “Non siamo razzisti finché – sottolinea – non ci rompono le scatole”. Ci tiene a sottolineare che il suo gruppo non c’entra nulla con il Comitato di quartiere e in tono sprezzante aggiunge: “Quelli si occupano di panchine”. Sulla visita del ministro dell’Interno Matteo Salvini nel quartiere commenta: “Noi stiamo con Salvini, quelli che lo hanno contestato ieri non abitavano certo qui”.

Mentre la sindaca della Capitale, Virginia Raggi, fonte (askanews) – “Molto onestamente credo che non servano le ronde. Credo che quello che serve è quello che viene chiamato controllo di vicinato e che stiamo sperimentando in un piccolo quartiere. Prevede che i cittadini siano attivi e collaborino con le forze dell’ordine. Sono le forze dell’ordine che devono controllare il territorio, ma i cittadini possono collaborare, essere per loro occhi e orecchie, ad attivarsi. Mi oppongo a qualunque tipo di visione che preveda l’uso della forza privata per l’ordine. Esiste una polizia, al massimo va aiutata”. Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, aprendo in Campidoglio il IV Forum delle Autorità Metropolitane Europee – EMA, riferendosi anche alla manifestazione di Forza Nuova a San Lorenzo per la morte di Desirée.