Rdc, via al bando per le società di servizi con i navigator

di
60mila sono i candidati attesi da valutare

ROMA – Alla partenza il bando per individuare la società di servizi che affiancherà l’Anpal nell’organizzazione della selezione dei navigator da impiegare con contratto di collaborazione biennale nei centri per l’impiego. Tutto questo era già stato previsto dall’attuale governo per assistere i beneficiari del reddito di cittadinanza. Con una procedura negoziata pubblicata sul sito dell’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, si affida il servizio di predisposizione del test, realizzazione e gestione della prova scritta (con un importo a base di gara di 180mila euro per una durata masima di 12 mesi). Il termine per la presentazione delle offerte è fissato per il 25 marzo, mentre il 18 marzo è la scadenza per la richiesta di chiarimenti da parte delle aziende candidate. Si prevede che saranno 60mila gli interessati a candidarsi ad un posto di navigator: Costoro in un ambito ancora non meglio definito dovranno assistere i beneficiari del sussidio nell’inserimento lavorativo e controllare che rispettino gli adempimenti previsti. Per diventare navigator dovranno superare un test a risposta multipla con al massimo 100 quesiti su 10 materie (cultura generale, logica, informatica, diritto del lavoro, diritto di cittadinanza). Visto il numero atteso di partecipanti, dovrà anche essere individuato uno o più luoghi in grado di ospitare i candidati per il test. Si prevede che tra i requisiti, verrà richiesta una laurea in economia, o giurisprudenza, sociologia, scienze politiche, psicologia o scienze della formazione.