Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Sindaco Lillo Firetto chiede restituzione risorse ai comuni

Tempo di lettura: < 1 minuto

AGRIGENTO – “Legittima la protesta del presidente Anci Antonio Decaro. In qualità di vice presidente di Anci Sicilia e di sindaco di Agrigento, condivido che i 564 milioni sottratti debbano tornare nelle disponibilità di bilancio dei Comuni. Non attenderemo alcun ricorso, ci interessa soltanto il rispetto di quanto stabilito a suo tempo.
Il contributo era stato richiesto ai Comuni per effetto dell’art. 47 comma 8 del Dl 66 del 2014. La restituzione era prevista entro il 2019. La scadenza è stata rispettata per Province e Città metropolitane. Non per i Comuni, senza alcun ragione. Non si può, da un lato, pretendere l’equilibrio di bilancio, dall’altro, far sparire risorse che dovevano essere nelle nostre disponibilità. Le città attendono risposte e invece di mettere i sindaci nelle condizioni di operare bene, si sta pensando di penalizzare proprio l’anello più debole quello dei Comuni. Restituiscano ad Agrigento 252.684 euro. Non ci sono scuse. Giù le mani da somme che spettano per dare servizi ai cittadini”.
Così il sindaco di Agrigento Lillo Firetto sulla protesta del presidente Anci, Antonio De Caro per i 564 milioni sottratti che debbono tornare nelle disponibilità di bilancio dei Comuni.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci