Pogliese apre convegno con Tajani e Musumeci

di
Sicilia 2030: ripartire da un piano per le infrastrutture

CATANIA – Il sindaco Salvo Pogliese ha aperto i lavori del convegno sulle infrastrutture organizzato nel Palazzo della Cultura dalla Regione Siciliana: Sicilia 2030: ripartiamo da un Piano per le infrastrutture. “E’ per me un onore -ha esordito Salvo Pogliese- dare il benvenuto, a nome della città, al presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani e al presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci con i suoi assessori, nell’ambito di un confronto che non poteva avere titolo più qualificante. “Le infrastrutture-ha proseguito il primo cittadino, rivolgendosi a Tajani- costituiscono una precondizione per lo sviluppo in Sicilia. Penso al ponte sullo Stretto, opera di fondamentale importanza non soltanto per la regione ma per la nostra nazione, anche per l’effetto domino che andrebbe a determinare dando continuità al corridoio scandinavo-mediterraneo. Catania -ha aggiunto – è dotata di un sistema integrato di trasporto che conta un aeroporto da 10 milioni di passeggeri; una rete metropolitana in via di sviluppo che con l’ultimo tratto Stesicoro-Aeroporto avvierà anche l’ intermodalità; un sistema portuale che sta crescendo in maniera significativa sia sulla crocieristica sia, in sinergia con Augusta, sul trasporto merci. E proprio su questo fronte credo si possano ottenere tassi di crescita ancora più significativi, soprattutto dopo i miglioramenti infrastrutturali realizzati all’interno del canale di Suez, e grazie al geocentrismo della nostra regione. Una riflessione a parte -ha proseguito Pogliese – vorrei farla sulle Zes, per le quali ritengo sia fondamentale un’accelerazione, e il presidente Musumeci si sta già attivando: laddove infatti sono state realizzate, come in Polonia, hanno prodotto eccezionali benefici per i territori.In merito infine all’autostrada Catania – Ragusa, mi auguro che il rinvio di qualche giorno fa del Cipe non rappresenti l’interruzione di un percorso atteso dal nostro territorio da oltre 20 anni e che è assolutamente necessario per la crescita di tutto il bacino del Sud-Est”.