Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280

Maggioranza in frantumi all’Ars, Miccichè “blinda” finanziaria per voto finale

Sala d'Ercole: Pd e M5S "saltata maggioranza, governo alla frutta"

Palermo, 1 apr. – Dopo che questa mattina per due volte il governo è stato battuto con voto segreto nel corso dell’esame della finanziaria, alla ripresa dei lavori il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, ha blindato il testo. L’Aula voterà le tabelle e poi si procederà al voto finale, stralciati tutti gli ultimi articoli da esaminare. “Non c’è alternativa”, ha detto il numero uno di Sala d’Ercole.

Pubblicità

“La maggioranza non risponde più, non siamo nelle condizioni di votare, non si capisce più niente, è saltato il banco – ha aggiunto Miccichè -. Qualsiasi norma metto in discussione viene matematicamente bocciata. Dovremo prenderne atto e interrogarci sul perché siamo arrivati a questo punto, se dipende dalla classe dirigente, dagli errori fatti. Io per primo mi devo interrogare, ma non posso permettere di fare bocciare tutto. In un’assemblea normalmente c’è una maggioranza e un’opposizione. Mi sembra che questa logica sia saltata”.

“È saltata la maggioranza, Musumeci alza bandiera bianca: rinuncia agli ultimi articoli della finanziaria per paura di affondare ancora in aula, e se la prende con gli ‘ascari’ della sua stessa coalizione. Il governo regionale è al capolinea per ammissione del suo presidente, questa finanziaria è la Waterloo di Musumeci”. Lo dice il capogruppo Pd Giuseppe Lupo a proposito dell’esame della manovra finanziaria all’Assemblea regionale siciliana.

“Non è certo un bel periodo per il presidente della Regione. Dopo aver dovuto rinunciare, giocoforza, a Razza, uno dei suoi assessori di punta nonché suo braccio destro, Musumeci deve ora prendere atto che il suo governo è alla frutta e non può più contare su una maggioranza a Sala d’Ercole, come dimostrano le numerose volte che l’Esecutivo è andato sotto”. Lo dice il capogruppo del M5S all’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Di Caro, aggiungendo: “Alla luce dei voti d’aula comprendiamo ogni giorno di più l’insistenza del presidente ad attaccare l’istituto del voto segreto, ma non può definirlo, come ha fatto ieri in aula, a voce alta, un voto mafioso. Questo non lo accettiamo”. “Il voto segreto è una prerogativa del parlamentare d’opposizione che in questa sessione ci ha permesso di bocciare norme inaccettabili, come quella che consentiva di mettere le mani in tasca ai pensionati della Regione – sottolinea il pentastellato -. Per il resto il nostro giudizio su questa finanziaria non cambia: la legge è addirittura peggiore di quella dello scorso anno, che era sì di cartone, ma che conteneva il chiaro messaggio di voler correre incontro ai siciliani. Qui l’unico messaggio che si coglie è la volontà dei deputati di portare a casa un contentino per il proprio territorio”, conclude Di Caro. “Aspettiamo ancora -conclude Di Caro – di vedere il famoso ordine del giorno sui ristori alle categorie commerciali penalizzate dal Covid. Questo odg ci sembra un po’ come la moglie del famoso tenente Colombo: ne parlano tutti, ma nessuno l’ha mai vista”.
(Adnkronos)

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: