Sicilia Report
Sicilia Report

Governo: dal Senato 156 sì alla fiducia, 140 i no e 16 gli astenuti

Di Maio: "voto fiducia anche al Senato, unisce chi e' responsabile'

Roma, 20 gen. – La fiducia al governo Conte passa nell’Aula del Senato con 156 sì, 140 no e 16 astenuti. In Senato c’è stato caos sul voto di Alfonso Ciampolillo, ex-M5S del gruppo Misto. Il senatore aveva chiesto di votare ma la presidente delSenato, Elisabetta Casellati, lo ha fermato: “Avevo già chiuso la votazione della seconda chiama”. Casellati ha quindi chiesto di vederela registrazione video della seduta. Dopo l’esame dei video, Casellatiha quindi riammesso al voto per la fiducia i senatori Ciampolillo e Riccardo Nencini. “E’ stato effettuato un accertamento sulla chiusura della votazione. Risulta che Ciampolillo sia arrivato alle 22.14. Io ho dichiarato la chiusura alle 22.15. Siccome ha alzato la mano e non ho potuto vederlo, riammetto alla votazione Ciampolillo”, ha spiegato Casellati, riammettendo anche Nencini “che era arrivato subito dopo”. I senatori Alfonso Ciampolillo (Misto) e Riccardo Nencini (Iv-Psi), riammessi al voto dalla presidente Casellati, hanno dato la fiducia al governo.

Bottone 980×300

La fiducia al governo Conte è stata votata anche da Maria Rosaria Rossi e Andrea Causin, senatori di Forza Italia. Dopo il caso di Renata Polverini, è scoppiato in particolare quello della senatrice azzurra Rossi, considerata fedelissima di Silvio Berlusconi. Il governo Conte supera la prova del Senato grazie anche al contributo dei senatori a vita. Hanno votato la fiducia Liliana Segre, Mario Monti ed Elena Cattaneo. Assenti Renzo Piano, Carlo Rubbia. Assente anche l’ex capo dello Stato Giorgio Napolitano per motivi di salute.

“Nei momenti più difficili, nei momenti incui le persone temono per il proprio futuro, c’è bisogno solo di una cosa: restare uniti. E la fiducia che il Governo ha ricevuto anche in Senato – voto che arriva in un momento molto difficile per il nostro Paese – unisce persone che si prendono una responsabilità. Persone che hanno compreso l’importanza di sostenere l’Italia in un momento come questo e che hanno un solo e unico obiettivo: lavorare per la ricostruzione”. Lo scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, commentando il voto di fiducia a Palazzo Madama.

“Abbiamo superato un ulteriore grande ostacolo proprio quando invece c’era bisogno solo di collaborazione. Dopo il voto odierno andremo avanti con ancora più determinazione e ancora più forza, perché questo significa servire il Paese. Domani ci sarà lo scostamento di bilancio di 32 miliardi per aiutare con nuovi ristori le attività più colpite da questa emergenza. Chi intende la politica in modo serio, è chiamato dalla storia a dare il suo contributo. Noi ci siamo”, conclude l’ex capo politico M5S.
(Labitalia)

Commenti