Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Aree protette: da governo Musumeci le Linee guida per aumentare la sicurezza

D'ora in poi, i gestori dei siti naturalistici e delle zone protette della Sicilia dovranno adottare questi accorgimenti per continuare a consentirne una regolare fruizione al pubblico

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO – Chiusura dell’area in caso di allerta meteo, subito dopo un evento sismico o in presenza di un terreno saturo di pioggia. Installazione di cartelli informativi, all’ingresso e lungo i sentieri, in cui vengono descritte le condizioni di rischio e dove sono riportati i comportamenti da adottare.
D’ora in poi, i gestori dei siti naturalistici e delle zone protette della Sicilia dovranno adottare questi accorgimenti per continuare a consentirne una regolare fruizione al pubblico. Le disposizioni, che mirano a innalzare il livello di sicurezza dei visitatori, sono contenute in un documento stilato e trasmesso ai destinatari dal segretario generale dell’Autorità di bacino, Francesco Greco, su input del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci.
«Si tratta di una serie di Linee guida – spiega il governatore dell’Isola – che obbligheranno i responsabili di tante zone meravigliose, ma purtroppo fragili dal punto di vista geomorfologico, a colmare un pericoloso vuoto di informazioni destinate a chi vi si addentra. Riguardano, in particolare, aree del nostro territorio che hanno una classificazione di rischio elevata e che, dunque, necessitano di un’attenzione costante e di un’adeguata e tempestiva divulgazione delle condizioni in cui si trovano e dei comportamenti corretti da adottare in caso di improvvise criticità. Con l’Autorità di bacino, da noi istituita dopo un trentennio, oggi possiamo colmare anche questo pericoloso vuoto».

Accanto alle misure di allertamento, «necessarie – si legge nel documento trasmesso ai gestori delle Aree protette – per consentire l’attività di tempo libero», sono indicati anche alcuni “suggerimenti” da adottare per innalzare ancora di più il livello di sicurezza dei visitatori: dall’invito a evitare assembramenti al di sotto di zone particolarmente a rischio, al costante monitoraggio con drone ad alta risoluzione dei costoni incombenti per valutare l’evolversi dei fenomeni di dissesto. E, ancora, l’installazione di sensori di rilevamento del livello dei corsi d’acqua ad almeno cinque chilometri di distanza dalle aree di fruizione. Le previste azioni di pre-allerta potranno essere immediatamente messe in atto senza bisogno di alcuna autorizzazione.
Tutte le comunicazioni e le informazioni che riguardano la sicurezza del pubblico dovranno, inoltre, essere divulgate attraverso i siti istituzionali dei Parchi, delle riserve e degli assessorati competenti.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci