Un gigantesco scheletro di capodoglio appeso al soffitto che sembra “volare” sopra al leone e alla tigre, alla zebra e al cervo, al daino e all’alce, agli orsi e ovviamente all’elefante “Africano”, “u Liotru” simbolo della città.
Una scena che quotidianamente incanta e affascina i visitatori nel momento in cui mettono piede nel rinnovato Museo di Zoologia e Casa delle Farfalle di via Androne, allestito nella sezione di Biologia animale del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Catania.
Una struttura, il più antico museo zoologico siciliano, fondato nel 1853, che ha richiamato in poco più di due settimane (ha riaperto i battenti il 9 luglio scorso) oltre 1200 visitatori, principalmente tantissimi bambini (in foto un gruppo di Kids Trip) rimasti estasiati dai 150mila invertebrati e 2.500 esemplari di vertebrati collocati nei nuovi allestimenti basati sui più moderni principi della museologia zoologica.

Pubblicità

Tra i vertebrati spiccano i Colibrì che, con 217 esemplari, rappresentano la più ricca collezione italiana. Sospesi a 4 metri d’altezza anche due scheletri di uccelli corridori, lo Struzzo e il Nandù e su appositi telai numerosi uccelli rapaci e esotici come il maestoso Condor delle Ande, il Grifone, pappagalli e paradisee.
Un “viaggio” in un ampio salone in cui il linguaggio della scienza e i temi naturalistici stimolano la partecipazione dei visitatori e soprattutto dei bambini guidati dal responsabile delle attività didattiche e divulgative della struttura museale Fabio Viglianisi.
Il museo, di cui è responsabile scientifico il prof. Giorgio Sabella, vista la notevole richiesta di visite guidate, rimarrà aperto fino al 6 agosto. Le visite riprenderanno regolarmente il 30 agosto.

Dal lunedì al venerdì è possibile visitare il Museo di Zoologia dalle 9 alle 13 con ingressi ogni 20 minuti (ultimo ingresso alle 12,
40). Il martedì e il giovedì è possibile visitare la struttura anche dalle 15 alle 17 con ingressi ogni 20 minuti (ultimo ingresso alle 16,40).

Nella foto un momento della visita guidata di un gruppo di bambini di Kids Trip che ascoltano il responsabile delle attività didattiche e divulgative della struttura museale Fabio Viglianisi