TAORMINA (ME) – Green Pass e documento di riconoscimento, da venerdì 6 agosto, per visitare il Teatro Antico, Isola Bella e Palazzo Ciampoli a Taormina, Museo e Area Archeologica di Naxos, Museo MA.FRA e Francavilla di Sicilia.
Anche il Parco Archeologico Naxos Taormina si prepara alla rivoluzione degli accessi “sicuri” nei siti monumentali indicata dal Governo e in queste ore, in collaborazione con Aditus (società concessionaria dei servizi di biglietteria), sta predisponendo strumenti di lavoro per custodi e addetti che, all’ingresso dei monumenti, verificheranno la validità dei documenti con la scansione del QRCode.

Pubblicità

La certificazione con il Green Pass – in versione cartacea o digitale – è obbligatoria per tutti i visitatori al di sopra dei 12 anni. In alternativa basta produrre un certificato che documenti anche una sola dose di vaccino (validità 9 mesi); un test molecolare/antigenico (negativo) nelle 48 ore precedenti alla visita; oppure una certificazione di avvenuta guarigione da Covid-19 (validità 6 mesi).

Sono esonerati dall’obbligo del Green Pass i minori di 12 anni e chi non può vaccinarsi per motivi di salute (comprovati da certificazione). Permane il controllo della temperatura all’ingresso e l’obbligo di mascherina al chiuso. Per tutte le altre informazioni si può consultare il sito https://www.dgc.gov.it/web/

Parco Archeologico Naxos Taormina
Il Parco archeologico, oggi denominato di Naxos–Taormina è stato istituito nel 2007 e gode di autonomia scientifica, di ricerca e organizzativa, amministrativa e finanziaria. Dal 2013 il Parco ha la gestione di alcuni tra i più importanti siti monumentali e paesaggistici della provincia di Messina: il Museo e l’area archeologica di Naxos; il Teatro Antico e l’Odèon di Taormina; Villa Caronia (sede direzionale del Parco); il Museo naturalistico di Isolabella, le aree archeologiche di Francavilla e il M.A.FRA il nuovo museo archeologico della città, inaugurato nell’ottobre 2020. Dal 2019 sono gestiti dal Parco, Palazzo Ciampoli (Taormina), il Monastero e la Chiesa Basiliana dei Santi Pietro e Paolo (Casalvecchio Siculo) e si attesta all’Ente anche Castel Tauro. Dal giugno 2019 il Parco è diretto dall’archeologa Gabriella Tigano. Fra i grandi eventi gestiti dal Parco e che hanno visto protagonista il Teatro Antico di Taormina – secondo sito più visitato in Sicilia dopo la Valle dei Templi – figurano il G7 nel maggio 2017 e la visita del Dalai Lama nel settembre dello stesso anno. Nel corso del 2019 i siti del Parco Naxos Taormina hanno superato per la prima volta lo storico record di 1 milione di visitatori (esclusi gli oltre 150.000 spettatori degli eventi serali nel Teatro Antico di Taormina nel periodo tra giugno e settembre).

COPYRIGHT SICILIAREPORT.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità