Sicilia Report
Direttore Paolo Zerbo
Montalto 336×280

Prorogata al 30 aprile 2020 la chiusura della mostra “Caravaggio. Per una Crocifissione di Sant’Andrea”

Nei prestigiosi locali del Palazzo della Soprintendenza di Siracusa

SIRACUSA – Ci sarà ancora tempo fino al 30 aprile 2020 per poter ammirare, nei prestigiosi locali del Palazzo della Soprintendenza di Siracusa, “Caravaggio. Per una crocifissione di Sant’Andrea”. La proroga della mostra è stata decisa a seguito della grande richiesta da parte di visitatori provenienti da tutta Italia e dall’estero.
Il progetto, curato da Pierluigi Carofano e Nicola Barbatelli, è un’iniziativa Sicilia Musei con il patrocinio della Regione Siciliana – Assessorato regionale dei Beni Culturali, Soprintendenza dei Beni Culturali e Ambientali della provincia di Siracusa e la Città di Siracusa.
Al centro del progetto espositivo c’è la “Crocifissione di Sant’Andrea” di Michelangelo Merisi da Caravaggio, collezione Spier Londra (già collezione Back Vega). L’opera la cui proprietà è di un fondo privato è stata esposta al museo di Cleveland nel 2017 in occasione del restauro dell’altra versione della “Crocifissione di Sant’Andrea” di proprietà del museo americano. In quella occasione è stato possibile effettuare tra i principali studiosi al mondo di Caravaggio il confronto tra le due opere. Gli studi hanno rilevato che Caravaggio ha dipinto due versioni della “Crocifissione di Sant’Andrea”. La mostra e il rispettivo catalogo intendono proporre per la prima volta in Italia un opera di Caravaggio poco conosciuta. La presenza nel catalogo di un saggio di Bruno Arciprete, tra i massimi restauratori dei dipinti di Caravaggio, conferma l’autografia del dipinto al grande maestro lombardo.

Nell’ambito dello spazio espositivo, grazie alla collaborazione del Polo Museale di Messina per i siti culturali, potranno essere apprezzate due opere di Mario Minniti, grande amico di Caravaggio, che ospitò nel suo periodo siciliano: “Miracolo della vedova di Naim” e “Maddalena ai piedi della croce”.

I commenti sono chiusi.