Sicilia Report
Sicilia Report
Montalto 336×280

Domani 20 maggio il Salotto virtuale di Liliana Nigro “Vite sospese” ospiterà lo stilista siciliano Giovanni Cannistrà

Alle 10.30 sulla piattaforma Microsoft Team all’indirizzo 9scntfs in diretta la professoressa Nigro intervisterà lo stilista siciliano Giovanni Cannistrà: quando il barocco siciliano e francese si fondono in un ricercato glamour di haute couture

La professoressa Liliana Nigro docente della Storia del Costume dell’Accademia di Belle Arti  ci racconta dello stilista: “Uno degli stilisti più importanti del panorama siciliano conosciuto in tutto il mondo che trasferisce nei suoi lavori a cominciare dalle stoffe, le ceramiche siciliane, i colori di Sicilia, i profumi: è come se fosse una “madeleine proustiana” che tu assapori e quando indossi quell’abito ti rendi conto che è fatto per mano di un siciliano e voluto da un siciliano. Lo abbiamo ospitato due anni fa alla sfilata di Villa Pantò e abbiamo lavorato insieme al Teatro Massimo Bellini di Catania”. La professoressa Liliana Nigro durante il block down, ha avuto questa meravigliosa idea per tenere viva l’attenzione e la curiosità dei suoi allievi: insieme alle lezioni che riguardano la sua materia ha creato un salotto virtuale “Vite sospese”, dove invitare le personalità nell’ambito dell’arte, della moda, del cinema, della televisione, del teatro. A proposito della madeleine, che era un biscotto, la recherche proustiana, si riferisce allo scrittore francese Marcel Proust.  La recherche appunto è un termine francese che può designare una parte della vita quotidiana, un oggetto, un gesto, un colore e in particolare un sapore o un profumo, che evocano in noi ricordi del passato, una sorta di nostalgia. Esiste anche un Sindrome di Proust che affiora a chi è “troppo sensibile” a ciò che evoca sensazioni, ricordi, nostalgie del passato. La nostalgia è un sentimento prezioso che spesso viene confuso con la tristezza o peggio ancora con la depressione. Guardando i video delle sfilate dello stilista Giovanni Cannistrà, compreso la sua griffe che rappresenta una nobildonna “francese” del settecento, i suoi abiti “evocano sincreticamente” il barocco siciliano con accenti dell’haute couture francese, soprattutto nelle acconciature e cappelli alla Maria Antonietta, regina di Francia icona di stile ed eleganza, gloriosa musa che continua ad ispirare i maggiori stilisti di tutto il mondo. E quando la nostalgia rivisitata in chiave moderna e raffinata ottiene questi risultati dobbiamo ancora una volta ringraziare la nostra professoressa che tiene alto il nostro spirito e i nostri cuori.

Loading...
instant= new adsenseLoader( '#quads-ad1-place', { onLoad: function( ad ){ if (ad.classList.contains("quads-ll")) { ad.classList.remove("quads-ll"); } } });

 

I commenti sono chiusi.