11.9 C
Catania
domenica, Febbraio 25, 2024
spot_imgspot_img
HomeProvinceCataniaTavolo della salute: proficuo incontro all'Asp di Catania, soddisfatti i sindacati

Tavolo della salute: proficuo incontro all’Asp di Catania, soddisfatti i sindacati

CATANIA – E’ stato un incontro proficuo, quello del Tavolo della salute provinciale, che si è tenuto oggi nei locali della nuova Casa di comunità “San Luigi”. Dopo l’abbandono dell’ultima riunione da parte delle sigle sindacali Cgil, Cisl, Uil e Ugl, in polemica per i ritardi sulla convocazione e la concomitante presenza della delegazione trattante al Tavolo, il confronto fattivo è ripartito con una lunghissima serie di argomenti che sono stati trattati durante l’intera mattinata. A rappresentare l’Azienda erano presenti il direttore generale Maurizio Lanza, il direttore amministrativo Giuseppe Di Bella ed il responsabile dello Spresal Antonio Leonardi, mentre per Cisl, Uil e Ugl sono intervenuti i segretari generali territoriali Maurizio Attanasio, Enza Meli, Giovanni Musumeci e per la Cgil la segretaria confederale Rosaria Leonardi. Presenti anche i segretari provinciali Giacomo Giuliano (Fnp Cisl), Mario Conti (Uil Fpl), Maria Pia Castiglione (Uil pensionati) e Carmelo Urzì (Ugl Salute). Ad apertura dei lavori è stata chiarita l’importanza del Tavolo della salute, istituito con apposito decreto dall’Assessorato regionale della Salute, quale strumento indispensabile per il miglioramento del sistema sanitario su base provinciale grazie ad un costante dialogo tra il management dell’Asp e le Confederazioni sindacali in rappresentanza di lavoratori, cittadini e utenti. “Abbiamo ribadito la nostra contrarietà rispetto alla chiusura del punto nascita di Bronte. Bisogna reperire il personale, motivo per cui non possiamo che continuare da una parte la battaglia per chiedere l’eliminazione del numero chiuso in medicina e la valorizzazione delle professioni mediche meno gettonate, mentre dall’altra dobbiamo concretizzare una cabina di regia con i vertici delle Aziende ospedaliere di Catania ed i responsabili dei 9 Distretti sanitari per una giusta armonizzazione delle risorse umane – puntualizzano i sindacalisti. Su questo punto abbiamo ottenuto la disponibilità da parte del direttore Lanza a convocare una riunione in tempi rapidi. Inoltre, abbiamo ribadito il ruolo fondamentale che la medicina di prossimità del territorio svolge quotidianamente in favore della società ed in particolare delle fasce sociali più deboli e, per questo, riteniamo debba essere potenziata. Si deve infatti ottenere una efficiente integrazione socio – sanitaria in tutto il territorio metropolitano, attraverso l’attivazione dei Punti unici di accesso, ma anche un maggiore coordinamento tra Azienda sanitaria ed Aziende ospedaliere sulle dimissioni protette e sul sistema del Fascicolo sanitario elettronico – aggiungono Attanasio, Meli, Musumeci e Leonardi. Ci è stato dato modo di confrontarci sull’innovazione (introdotta dal Pnrr) delle Centrali operative territoriali oltre che delle liste d’attesa interminabili, che vanno abbattute incrementando la spesa dei fondi assegnati. Non possiamo tollerare che nel meridione siano state impiegate a fine 2022 solo il 40% delle risorse a fronte del 90% speso al nord e del 50% del centro. Su questo aspetto ci è sembrato doveroso esprimere il disagio dell’utenza per il non corretto funzionamento dei Centri unici di prenotazione ed abbiamo appreso che l’Asp è disponibile attivare un Cup provinciale, auspicando che questo possa entrare in funzione il prima possibile.

Pubblicità

 

 

 

Infine sui progetti finanziati dal Pnrr, vogliamo andare oltre quello che sono i freddi numeri (29 case di comunità, 10 centrali operative territoriali, 10 ospedali di comunità), perchè oggi l’interesse primario è quello di sapere dove sono previsti, quando saranno in funzione e quale personale dovrà gestirli, perchè abbiamo il timore di vedere inaugurate delle cattedrali nel deserto. E’ stato quindi rilevante – concludono i segretari – riavviare questo colloquio costruttivo tra le parti (da proporre anche a Palermo) e per questo ringraziamo il direttore generale Lanza che ha risposto alle nostre preoccupazioni. Adesso, però, deve diventare imprescindibile il passaggio ai fatti concreti coinvolgendo fattivamente il Tavolo della salute regionale e la sua interfaccia pubblica, che devono fare la loro parte per risolvere le questioni e le emergenze aperte, perchè il diritto alla salute è di ogni singolo cittadino in ogni parte del territorio e va rispettato.”

 

 

 

Ufficio Stampa U. G. L. – Unione Territoriale del Lavoro di Catania

 

 

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli