Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Siap Catania: Le difficoltà operative dei poliziotti e le regole d’ingaggio

Indetta un'assemblea dal Sindacato Italiano Appartenenti Polizia per il 18 ottobre alle ore 10,30 presso sala riunioni della Questura di Catania

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Riceviamo nota dal Siap Catania che qui divulghiamo: “Sempre più spesso le notizie di cronaca riportano di aggressioni, anche immotivate, nei confronti di appartenenti alle FF.OO. chiamate dai cittadini per la tutela di un diritto o per segnalare un azione delittuosa. Spesso per via delle incertezze operative prodotte dal sistema ormai non a passo con i tempi, gli agenti si trovano in difficoltà ad operare. Purtroppo si registrano frequentemente atti di vera violenza verbale e fisica da parte di soggetti che anche se non commettono reati, in cui si procede ad arresto, ostacolano l’attività di prevenzione e rendono inefficaci gli interventi o prolungano l’attività per la resistenza non attiva posta in essere. C’è una evidente necessità che lo Stato risponda adeguando le regole operative di intervento con l’evoluzione delle azioni violente e immotivate, frutto di una società multietnica che ancora non ha regolato e integrato molti soggetti. La sensazione di impunità gioco forza, incentiva questi soggetti ad osare, ad opporsi a ogni genere di controllo. Per questo il Siap ha indetto per il 18 ottobre alle ore 10,30 presso sala riunioni della Questura di Catania, una conferenza dibattito con gli organismi provinciale per elaborare proposte di legge che modifichino il modus operandi, affinché le FF.OO., siano messe in condizione di operare con certezza e rapidità, ma soprattutto con sicurezza sul lavoro. L’elaborato sarà inviato al Dipartimento di P.S. e ai rappresentanti parlamentari di ogni organizzazione politica per valutarne la proposta”.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci