Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Sanità a Misterbianco: Cisl Catania chiede spiegazioni all’Asp su progetto territoriale

In occasione del sopralluogo di oggi, Attanasio: «Intervenga la Regione su sprechi e disattenzioni nel territorio. Chiederemo un incontro anche ai commissari straordinari di Misterbianco»

Catania, 21 luglio 2020 – Qual è il progetto dell’Asp di Catania per la medicina del territorio? Che cosa vuole farne, ad esempio, della struttura abbandonata del Poliambulatorio Galilei di Misterbianco? Non è tollerabile che vengano sprecate risorse pubbliche e parcellizzati i servizi. Intervenga la Regione siciliana per mettere fine a una penosa vicenda e ripensare seriamente a una medicina più vicina al cittadino.
È Maurizio Attanasio, segretario generale della Cisl di Catania, con i segretari generali provinciali Armando Coco (Cisl Funzione pubblica) e Massimo De Natale (Cisl Medici) a intervenire sulla vicenda degli uffici sanitari di Misterbianco, per riunire i quali oggi si è tenuto un sopralluogo nei locali comunali ex-Movicar.

«La vicenda degli uffici sanitari che si vogliono, e debbono, riunire a Misterbianco per liberare i locali scolastici dove attualmente sono alloggiati – spiegano – è l’occasione per chiedere finalmente all’Asp che cosa vuol farne della medicina di prossimità nel territorio a Misterbianco, come nel resto del territorio metropolitano.

Non si può più andare avanti a inventare ambulatori e sedi volanti dove si investono risorse e dopo si abbandonano. L’emergenza Covid19 ha fatto scoppiare tutte le contraddizioni di un sistema che si è rivelato fragile e inadeguato ad affrontare tanto lo straordinario quanto, e soprattutto, l’ordinarietà.

«A Misterbianco, ad esempio, 4 anni fa è stata abbandonata la struttura che aveva oltre 50 stanze, ospitava ambulatori, uffici, laboratori, guardia medica e 118. Il danno che ne è venuto alle comunità servite di Misterbianco e Motta Sant’Anastasia, costrette a dividersi tra i quartieri catanesi di San Giorgio e Librino, è stato enorme. Disagi che le soluzioni di comodo approntate in seguito non hanno alleviato per niente. E le soluzioni trovate sono state tutte dovute alla disponibilità del Comune, dato che l’alternativa semplicistica offerta dall’Asp era di tagliare il servizio e trasferirlo nelle strutture del capoluogo».

Alla luce di quanto emerso con l’emergenza sanitaria da Covid 19 – continuano i segretari della Cisl – chiediamo all’Asp di aprire un serio confronto su quale progetto di medicina territoriale intende portare avanti non solo a Misterbianco ma nell’intera area metropolitana catanese, per trattare le patologie croniche in regime di prossimità di cura ai luoghi di vita e di lavoro, che coinvolgono molteplici fattori tipici della gestione del territorio e delle esigenze della comunità.

«A Misterbianco – infine – per l’impatto che l’allocazione degli uffici sanitari hanno su un territorio che ha subito anche la desertificazione post commerciale e che oggi sconta la mancata inclusione nella ZES e rischia la bocciatura del PRG, chiederemo alle organizzazioni confederali di Cgil e Uil di unirsi alla richiesta di un incontro ai commissari straordinari che guidano il Comune per un confronto aperto sulle questioni della sanità, del lavoro e della sviluppo dell’intera zona».

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci