Catania, 27 luglio 2021 – Arrivano anche per i quasi 100 lavoratori della Riscossione Sicilia di Catania le prestazioni aggiuntive del Fondo previdenziale di settore.
L’INPS ha emanato la disposizione per tutto il territorio nazionale. Sarà estesa anche ai dipendenti della Riscossione Sicilia, che nel territorio metropolitano etneo sono un centinaio e che, nel mese di ottobre, confluiranno nell’Agenzia delle Entrate-Riscossione.
Nella Circolare INPS n. 112 del 21/07, l’istituto consente ai lavoratori delle esattorie di beneficiare della prestazione previdenziale aggiuntiva, frutto dei versamenti effettuati al Fondo previdenziale obbligatorio di settore dalla data di assunzione. Nella stessa circolare, l’Inps indica le modalità di utilizzazione delle risorse, con decorrenza luglio 2017.

Pubblicità

 

«L’Inps ha finalmente riconosciuto un diritto negato per anni e rivendicato con forza dal sindacato – affermano Salvatore D’Urso, segretario generale della FIRST Cisl di Catania, e Ignazio Mazza segretario della categoria – ci sono voluti anni di battaglie, ma oggi tutti i lavoratori iscritti al Fondo avranno un futuro pensionistico migliore»

 

«Un successo che arriva a 24 anni dall’approvazione della prima legge delega che prevedeva l’armonizzazione della disciplina previdenziale – aggiungono D’Urso e Mazza – siamo riusciti a cogliere questo importante risultato anche grazie al sostegno della Cisl, che ha offerto un contributo determinante nella lunga trattativa».