Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Oggi proclamato lo sciopero dei lavoratori Fortè

In occasione della giornata della legalità, i Lavoratori e le Lavoratrici dei supermercati a marchio Fortè di proprietà della Meridi s.r.l. incroceranno le braccia per 8 ore

Tempo di lettura: < 1 minuto

PALERMO – “I Lavoratori dei supermercati a marchio FORTE’ entrano in SCIOPERO. Oggi 23/05/2020 in occasione della giornata della legalità, i Lavoratori e le Lavoratrici dei supermercati a marchio FORTE’ di proprietà della MERIDI s.r.l. incroceranno le braccia per 8 ore. Dopo essere stati sfruttati da patron del Catania Calcio, Nino Pulvirenti, continuano a sopportare il pesante fardello con i commissari nominati dal Tribunale di Catania: continuano a non ricevere lo stipendio. Ad aggravare la situazione i ritardi dell’INPS nell’erogazione della cassa integrazione. Le famiglie di questi lavoratori sono ridotti alla fame.
Ricordiamo che la vertenza Meridi dura da quasi un anno e i Lavoratori e le Lavoratrici vantano un credito nei confronti di Meridi di svariati migliaia di euro.
Da tanti mesi aspettano lo stipendio e i commissari rimangono sordi alle reiterate richieste di questa sigla sindacale in rappresentanza di 210 lavoratori di tutta la Sicilia.
Chiediamo alle istituzioni di intervenire in maniera urgente, queste famiglie hanno bisogno di aiuto.
Lo sciopero, con astensione dal lavoro di 8h, viene proclamato in tutti i punti vendita a marchio “Fortè” della Regione Siciliana, per la giornata di sabato 23.05.2020 in concomitanza con la Giornata della Legalità poiché di legalità hanno bisogno i lavoratori della GDO Siciliana”.
La Direzione USI

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato come contributo esterno. Il contenuto non è quindi un articolo prodotto dalla redazione di Sicilia Report.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci