15.5 C
Catania
mercoledì, Febbraio 28, 2024
spot_imgspot_img
HomeLavoroOda Catania, da ieri 480 lavoratori in stato di agitazione

Oda Catania, da ieri 480 lavoratori in stato di agitazione

Ugl Salute: “Due mesi senza stipendio e criticità nell’organizzazione del lavoro. Strutture sotto organico, servono rinforzi”

Mancata corresponsione di due mesi di stipendio e ataviche criticità relative all’organizzazione del lavoro. Sono queste le motivazioni che hanno fatto scattare, da ieri, lo stato di agitazione per i circa 480 dipendenti dell’Opera diocesana di assistenza di Catania. A comunicarlo è stata la federazione provinciale Ugl Salute che, con una nota indirizzata all’ente guidato dal commissario straordinario Adolfo Landi, ha evidenziato la gravità della situazione che stanno vivendo da tempo i lavoratori. “Siamo molto preoccupati per ciò che sta continuando ad accadere – dice il segretario catanese Carmelo Urzì, a nome della rappresentanza sindacale aziendale e del personale iscritto alla Ugl Salute. Già si è accumulato un forte ritardo nel pagamento della busta paga di settembre e di quella di ottobre. Se pensiamo che ci troviamo a novembre inoltrato, nulla di buono si potrà sperare anche per questo mese, poiché giungono voci non rassicuranti.

Pubblicità

 

Ci sembra di tornare indietro di qualche anno, quando abbiamo vissuto una condizione similare, che ha poi condotto l’Oda fino all’amministrazione straordinaria per evitare il rischio del fallimento. Allo stesso tempo, i servizi per l’utenza non si sono fermati nonostante le risorse umane per gestirli siano ormai ridotte ad un numero di gran lunga inferiore a quello necessario. Questo perché, negli ultimi mesi in particolare, diverse professionalità hanno lasciato la struttura essendo andate in pensione o avendo trovato occupazione in altri contesti del pubblico oppure del privato, senza essere state però adeguatamente rimpiazzate. Sta diventando insostenibile per i dipendenti, quindi, lavorare sotto organico e per di più senza ricevere un euro – fa notare Urzì. Oltretutto sull’ente assistenziale da qualche settimana regna ormai l’incertezza, considerato che il previsto cambio al vertice sembra essere stato congelato in attesa della nomina del nuovo arcivescovo e, inoltre, non si ha alcuna notizia sullo stato di salute della cassa dello stesso Oda.

Chiediamo quindi – conclude il segretario – che vengano date con immediatezza risposte ai lavoratori, che sono già pronti a dar corso ad ulteriori forme di protesta per rivendicare il diritto alla retribuzione e ad una gestione organizzata dell’Opera diocesana di assistenza rinforzando l’organico.”

 

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione CT
Redazione CThttps://www.siciliareport.it
Redazione di Catania Sede principale
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli