Sindacato

Disabili, Tribunale obbliga Comune a ripristinare l’assistenza domiciliare

Condividi

Catania, 26 maggio 2021 – Immediato ripristino dell’assistenza domiciliare a una disabile grave. È quanto ha imposto, con ordinanza d’urgenza, il Tribunale Civile di Catania al Comune di Catania. L’ente aveva interrotto il servizio nel 2019 con la motivazione “per esigenze di contenimento della spesa pubblica comunale”, nonostante alla signora fosse già stato riconosciuto il P.A.I (Piano di Assistenza Individualizzato), ex art. 14 Legge 328/2000, come da progetto dell’Asp del 2011 e avviato nel 2012.
La disabile aveva presentato istanza contro la decisione del Comune di Catania avvalendosi della difesa dell’Adiconsum, l’associazione in difesa dei consumatori promossa dalla Cisl, e rappresentata giudizialmente dall’avvocata Maria Carmela Pedullà.
Più specificamente, l’ordinanza del Tribunale – dopo aver motivato e superato le contestazioni del Comune di Catania sulla presunta giurisdizione del giudice amministrativo, anziché del giudice ordinario civile – ha chiarito come, una volta predisposto il PAI per i disabili (o il P.E.I. per gli alunni in stato di bisogno), cioè piani che configurano i pieni diritti soggettivi degli aventi diritto, il Comune perda il proprio potere discrezionale e diventi obbligato ad attuare il detto piano, “senza SE e senza Ma”. Tutto ciò, anche in presenza d’esigenze di contenimento della spesa comunale, da destinarsi, invece, prioritariamente alle categorie deboli.

Dopo l’esito positivo della procedura, la signora ha ringraziato l’Adiconsum di Catania, l’avvocata Pedullà e il Tribunale di Catania che, finalmente, hanno contribuito a riportare a giustizia la situazione di sofferenza ed emarginazione vissuta, ogni giorno, da lei come da tutti i disabili (a maggior ragione in occasione del tristemente noto COVID 19), e, perciò, con bisogno di una tutela rafforzata, rientrante nelle categorie cui spettano i servizi pubblici come essenziali.

Alla luce dell’ordinanza, Franco Anello, presidente provinciale dell’Adiconsum, e Maurizio Attanasio, segretario generale della Cisl di Catania, hanno espresso la propria soddisfazione. «Auspichiamo una concertazione congiunta col Comune di Catania – sottolineano – al fine di determinare le modalità di riaperture della tutela, con la ripresa del servizio d’assistenza domiciliare a tutti i disabili.

«Ciò che occorre – aggiungono Attanasio e Anello – è un nuovo modello di politiche sociali, co-progettato, che metta al centro la persona attraverso un progetto di vita personalizzato e la presa in carico. Va avviata anche la verifica di quanto i soggetti attuatori svolgono per l’assistenza e il reinserimento sociale degli assistiti. Occorre creare un’Anagrafe dell’Assistito che contenga, oltre al piano personalizzato, “chi-fa-cosa”, per ottimizzare il servizio ed evitare duplicazioni di intervento e sprechi di risorse».

Ti potrebbe interessare

La vicenda della signora prese avvio nel 2008, quando venne riconosciuta invalida al 100% e portatrice d’handicap in situazione di gravità, ex art.3 comma 3, L 104/92. Nel 2010, aveva presentato al comune di Catania istanza di progetto individualizzato ex art. 14 l. 328 del 2000; Nel mese di gennaio 2011, l’ASP di Catania aveva redatto il progetto. Dal 18 maggio 2012, aveva cominciato a usufruire del servizio d’assistenza domiciliare, per 9 ore in 5 sedute settimanali, successivamente potenziato da 9 a 18 settimanali nel 2015, a causa dell’aggravamento delle sue condizioni di salute. Nel mese di aprile 2019, il Comune di Catania aveva sospeso detto servizio, sulla base di un’esigenza di contenimento della spesa comunale. Quindi, il ricorso e, nel 2021, la sentenza del Tribunale.

 

 

Articolo del 26 Maggio 2021 16:41

Redazione CT

Redazione di Catania Sede principale

Articoli recenti

Tg Ambiente – 25/7/2021

In questo numero del Tg Ambiente, prodotto dall'Italpress in collaborazione con TeleAmbiente: Waidy Wow, a Roma un'app unisce sostenibilità e… Leggi tutto

25 Luglio 2021

Tg Giovani – 25/7/2021

In questo numero del Tg Giovani prodotto dall'agenzia Italpress in collaborazione con ScuolaZoo: MaBasta, studenti contro il bullismo; "E tu… Leggi tutto

25 Luglio 2021

Sorsi di Benessere – Un modo alternativo per preparare le tisane

Nella nuova puntata di Sorsi di Benessere un’idea alternativa per preparare tisane “panciapiatta”, digestiva e diuretica e drenante. Ci dice… Leggi tutto

25 Luglio 2021

Chiuso lido temporaneamente per mancato rispetto norme anti Covid

I Carabinieri della Compagnia di Acireale, hanno svolto una vasta attività di controllo in tutto il territorio di giurisdizione, finalizzata… Leggi tutto

25 Luglio 2021

Controlli dei Carabinieri ad attività commerciali, trovate irregolarità e lavoro nero

I Carabinieri della Compagnia di Catania Fontanarossa, coadiuvati dai colleghi del Nucleo Ispettorato Lavoro e del N.A.S. di Catania, nonché… Leggi tutto

25 Luglio 2021

Stanco della famiglia fugge dai domiciliari per recarsi in carcere

I Carabinieri della Stazione di Ramacca hanno arrestato il 30enne Giuseppe Gaetano CAMELIA, del posto, responsabile del reato di evasione.… Leggi tutto

25 Luglio 2021

Catturava e deteneva uccelli di specie protetta e usufruiva di acqua e luce gratis

I Carabinieri della Stazione di Santa Maria di Licodia, in Ragalna, con il supporto dei colleghi della locale Stazione e… Leggi tutto

25 Luglio 2021

Giuffrida bronzo nel judo, 4^ medaglia per l’Italia

TOKYO (GIAPPONE) (ITALPRESS) – Odette Giuffrida ha vinto lamedaglia di bronzo al torneo di judo dei Giochi di Tokyo,categoria -52kg.… Leggi tutto

25 Luglio 2021

Longo Borghini ancora di bronzo “Prima o poi vincerò un oro”

TOKYO (GIAPPONE) (ITALPRESS) – L’upgrade non c’è stato ma, per come si era messa la corsa, va benissimo così. Come… Leggi tutto

25 Luglio 2021

Papa Francesco “Tra giovani e anziani una nuova alleanza”

ROMA (ITALPRESS) – “Una nnuova alleanza” tra giovani e anziani, per “condividere il tesoro comune della vita, sognare insieme, superare… Leggi tutto

25 Luglio 2021
Impostazioni privacy