spot_imgspot_img
HomeLavoroSciopero lavoratori di Segesta Autolinee, Etna Trasporti e Interbus, 'sicurezza a rischio'

Sciopero lavoratori di Segesta Autolinee, Etna Trasporti e Interbus, ‘sicurezza a rischio’

Sciopereranno per 24 ore giovedì 16 maggio e manifesteranno con un sit-in davanti la sede dell’assessorato regionale ai Trasporti, in via Leonardo Da Vinci, a Palermo (dalle 9.30 in poi) i lavoratori di Segesta Autolinee, Etna Trasporti e Interbus. A proclamare lo sciopero è la Fit Cisl Sicilia. “In queste aziende – dice il segretario regionale Fit Cisl Sicilia, Davide Traina – non solo non vengono rispettati gli accordi sottoscritti, ma giornalmente i turni in vigore non rispettano le norme contrattuali e le normative vigenti sul tema della sicurezza sul lavoro, mettendo a repentaglio l’incolumità dei lavoratori e dell’utenza. Bisogna rimodulare i turni programmati per gli autisti, che non rispettano quelli realmente effettuati, in termini di tempi di guida, percorrenza e di riposo. Non è più sostenibile – sottolinea – un nastro lavorativo superiore alle 12 ore giornaliere, con un impegno di guida che supera le 5 ore continuative. C’è poi anche il tema dei mezzi, troppo vecchi per garantire la sicurezza. Cosi si rischia la tragedia”.

Pubblicità

 

 

“Le varie sollecitazioni di questi mesi al dipartimento regionale delle Infrastrutture e dei Trasporti che eroga i finanziamenti pubblici e alla Prefettura ad oggi non hanno avuto alcun seguito – denunciano dal sindacato – Una vertenza che va ormai avanti da troppo tempo, per via della palese volontà da parte dell’azienda di eludere il confronto sindacale. I prossimi bandi di gara per l’affidamento dei servizi minimi puntano a un miglioramento dei servizi, sia dal punto di vista organizzativo, sia in termini di innalzamento degli standard di qualità ed efficienza, passando attraverso il rispetto di regole in materia di sicurezza sul lavoro”. “È necessario, quindi, mettere in campo azioni comuni per arginare le irregolarità sul tema di sicurezza stradale, attraverso un monitoraggio costante dei dati cronotachigrafi. Se non arriveranno segnali e interventi immediati – conclude Traina -, ci rivolgeremo all’Ispettorato del lavoro, alla Polizia stradale e a tutte le istituzioni titolate per evitare ulteriori gravi incidenti sul lavoro”.

 

 

 

Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Redazione PA
Redazione PA
Redazione Palermo
Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli