19.5 C
Catania
martedì, Aprile 16, 2024
spot_imgspot_img
HomeLavoroCrollo Firenze, Di Franco (Fillea): "Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera"

Crollo Firenze, Di Franco (Fillea): “Incontro lunedì con governo? vogliamo trattativa vera”

Pubblicità

(Adnkronos) – “Lunedì il nostro incontro con il governo è previsto alle 8.30, poi alle 10 le imprese e alle 12 il Cdm. Ma noi vogliamo una trattativa e un confronto vero, altrimenti l’esecutivo andrà avanti come ha fatto finora senza confrontarsi con chi su questi temi si misura ogni giorno”. Così, con Adnkronos/Labitalia, Antonio Di Franco, segretario nazionale della Fillea Cgil, sull’incontro tra governo e sindacati in programma lunedì prossimo sulle misure contro gli infortuni sul lavoro.  

Quindi, per Di Franco, serve un “confronto costruttivo, con degli elementi imprescindibili, delle richieste chiare: va estesa agli appalti privati la normativa degli appalti pubblici, vanno assunti gli ispettori, si deve ragionare sulla qualificazione d’impresa, va istituita la procura nazionale del lavoro e va istituita la patente a punti per le imprese”, spiega il dirigente sindacale.  

E sulla necessità di competenze e mezzi tecnici specifici per affrontare il tema Di Franco spiega: “Come Fillea -racconta- seguiamo un infortunio mortale accaduto un anno fa in un piccolo comune della provincia di Alessandria dove la procura non ha i mezzi per intervenire con celerità non solo per dare giustizia ai familiari ma anche per mettere in campo prescrizioni affinchè quello non avvenga più nei cantieri. A distanza di un anno i famigliari non sanno nulla di quanto è avvenuto, neanche come è morto questo lavoratore”, aggiunge.  

“Noi dopo Firenze -ricorda il dirigente sindacale- abbiamo detto da subito che il cordoglio non basta più. E’ evidente che fino ad oggi è mancata la volontà politica di questo governo di confrontarsi e intervenire con le misure necessarie. Abbiamo avuto la strage di Brandizzo, una ‘strage di Stato’ e qualcuno pensava che ci sarebbe stata una risposta. Noi abbiamo chiesto un confronto ma da parte di questo governo e del ministero non è mai stato finalizzato a introdurre elementi nuovi. Le priorità che noi rivendichiamo sono: più controlli e più ispettori, in particolare ispettori tecnici, ai quali bisogna rinnovare i contratti, non solo nelle direzioni territoriali del lavoro, ma anche presso le Asl. Nella manovra finanziaria del governo non abbiamo visto un euro in quella direzione e quindi è evidente che manca la sensibilità e volontà politica”, aggiunge ancora. 

E Di Franco ricorda che “Salvini ha detto in questo giorni ‘il subappalto ce l’ha chiesto l’Europa’. non è vero perchè l’Europa ci ha chiesto di liberalizzare il mercato ma ci chiede pure di avere un ispettore ogni 10mila lavoratori e non come in Italia dove abbiamo un ispettore ogni 40mila lavoratori. Il subappalto a cascata è stato introdotto in uno scenario, e questa è la cosa grave, in cui mancano gli ispettori e quindi nei cantieri non c’è nessun controllo, non abbiamo una legge sulla qualificazione dell’impresa e quindi in edilizia basta che un imprenditore va in Camera di commercio e diventa imprenditore edile. E poi non riflettiamo che nei cantieri il 40% della manodopera è fatta da migranti e abbiamo la legge Bossi-Fini che va superata. Dietro Firenze c’è tutto questo, Firenze è l’emblema di tutto questo”, conclude.  




Copyright SICILIAREPORT.IT ©Riproduzione riservata

Clicca per una donazione

Articoli correlati

Iscriviti alla newsletter

Per essere aggiornato con tutte le ultime notizie, le novità dalla Sicilia.

Le Novità di Naos

Il mensile di cultura e attualità con articoli inediti

- Advertisment -

Naos Edizioni APS

Sicilia Report TV

Ultimissime

Dona per un'informazione libera

Scannerizza QR code

Oppure vai a questo link

Eventi

Le Rubriche di SR.it

Vedi tutti gli articoli