Sicilia Report
Sicilia Report fa uso di fact-checking e data journalism

Pubblicità

Sergio Davì a Catania incontra siciliareport

31

Un appuntamento particolare quello con Sergio Davì allo Dream Yacht di Catania presso l’ECS Dogana per presentare in anteprima la sua prossima missione: la “Ice Rib Challenge” da Palermo a New York in gommone.

Davì e rappresentanza Simrad

Ma chi è Sergio Davì? Sicuramente molto conosciuto nell’ambito nautico è uno skipper professionista e gommonauta esperto di navigazione oceanica d’avventura. Esperto conoscitore del mare, affronta alcune missioni “impossibili” con gommoni di serie, con prodotti standard dedicati ai diportisti, senza particolari tecnologie che lo possano aiutare a superare gli ostacoli. Diremmo noi: “l’Uomo e il mare” di Baudelaire, in Le Fleur du mal nel quale si evidenzia l’inclusione dell’essere umano che è diventato “Uomo”, trascendendo la bestialità propria del genere e includendosi in un rapporto quasi infinito e primordiale con il mare nel senso più ampio di libertà. E dovrebbe essere a conoscenza di tutti i navigatori che: Sempre il mare, uomo libero, amerai! perché il mare è il tuo specchio; tu contempli nell’infinito svolgersi dell’onda l’anima tua, e un abisso è il tuo spirito non meno amaro. Godi nel tuffarti in seno alla tua immagine; l’abbracci con gli occhi e con le braccia, e a volte il cuore si distrae dal tuo suono al suon di questo selvaggio ed indomabile lamento.  Discreti e tenebrosi ambedue siete: uomo, nessuno ha mai sondato il fondo dei tuoi abissi; nessuno ha conosciuto, mare, le tue più intime ricchezze, tanto gelosi siete d’ogni vostro segreto. Ma da secoli infiniti senza rimorso né pietà lottate fra voi, talmente grande è il vostro amore per la strage e la morte, o lottatori eterni, o implacabili fratelli! (Charles Baudelaire, I fiori del male, 1857)

L’esordio di Sergio nelle traversate in gommone si ha nel 2010, quando realizza la sua prima missione “Dai Fiori di Sicilia ai fiori d’Olanda – Palermo-Amsterdam – traversata in gommone”: una vera e propria avventura invernale di 41 giorni, realizzata con un gommone di 10m, motorizzato con due fuoribordo benzine da 300HP ciascuno e raccontata dallo stesso Davì nel suo libro “Palermo-Amsterdam 3000 miglia in gommone”.

Circa un anno e mezzo dopo, nell’estate del 2012, Davì si spinge oltre e porta a termine la “Nordkapp RIB Mission”: partendo da Palermo il 17 giugno 2012, raggiunge Capo Nord con un gommone “open” di appena 8 metri bimotorizzato con fuoribordo benzina da 150HP. Oltre 4000 miglia nautiche in circa 52 giorni.

Il successo di Capo Nord lo porta a voler realizzare il sogno di tutti i navigatori: attraversare l’Oceano! Così nel 2015 tenta la traversata da Palermo a Rio de Janeiro con un gommone di 9 metri bimotorizzato con entrofuoribordo diesel. Ma la “Atlantic RIB Crossing – da Palermo a Rio de Janeiro in gommone” si ferma a Lanzarote per un evento sfortunato, un incendio nel vano motori.

Davì non demorde e ci riprova, ed il 29 aprile 2017 molla gli ormeggi da Palermo alla volta di Recife (Brasile) per tentare di realizzare il suo sogno Atlantico, coronandolo con successo il 17 giugno 2017, dopo aver percorso 4300 miglia nautiche per un totale di 49 giorni, tra navigazione e soste programmate, 300 ore di navigazione (di cui quasi la metà con i motori sempre accesi). Con la “Ocean RIB Experience – transoceanica in gommone da Palermo a Recife”, Davì ha scritto una nuova pagina nella storia della nautica: ha attraversato l’oceano a bordo di un gommone lungo poco meno di 10m, motorizzato con una coppia di fuoribordo benzina da 200HP.

Oggi si presenta la “Ice Rib Challenge”, senza darne data certa, una nuova avventura la cui partenza è prevista entro l’estate del 2019, confida a siciliareport.it lo stesso Davì. Si tratta di un’impresa a bordo di un gommone di 12 metri da Palermo e come meta New York, un viaggio stimato di 75 giorni soste comprese. Un gommone – ci confida ancora Sergio – che non ha particolari attrezzature che non possano avere i diportisti e alcuni accorgimenti come il carico carburante e il serbatoio che sono implementati artigianalmente. Carlo Marongiu – incaricato Simrad –, dal canto suo, ci spiega che i sistemi di navigazione sono proprio quelli classici e il senso della missione è dimostrare anche che questi sono perfettamente adattabili e funzionali anche in condizioni estreme.  Si tenterà di raggiungere il Nord America lungo una rotta tra i ghiacci dell’Islanda e della Groenlandia, a bordo di Nautilus Explorer, gommone Nuova Jolly Prince 38cc (12 metri), appositamente allestito per la navigazione oceanica d’avventura, motorizzato con due fuoribordo Suzuki DF350 (benzina), dalle note elevate prestazioni tecniche, equipaggiato con componentistica d’eccellenza a marchio Quick e sistema di navigazione e controllo Simrad completo di display multifunzione top di gamma NSS, pilota AP44 e apparati di comunicazione RS. Si parla di oltre 6.600 miglia nautiche che toccheranno le Isole Baleari, Spagna, Portogallo, Francia, Regno Unito, Irlanda, Isole Faroe, Islanda, Groenlandia, Canada e finalmente gli Usa. Tra gli obiettivi in primo piano anche la sensibilizzazione alla tutela dell’ambiente marino, con una particolare attenzione rivolta alla lotta contro ogni forma di inquinamento da plastiche. Sergio Davì non ci fornisce ancora nessuna notizia circa l’eventuale presenza di altri membri di equipaggio, forse sarà decisa una solitaria con eventuali avvicendamenti “a staffetta” nei porti itineranti.

Obiettivi

RECORD
Tentare la prima traversata in gommone dall’Italia al Nord America

FINALITÀ TECNICHE
Effettuare test tecnici sulle dotazioni di bordo ed i materiali di costruzione

FINALITÀ SCIENTIFICHE
Sperimentare e analizzare gli sforzi psicofisici in condizioni estreme

FINALITÀ CULTURALI
Promozione culturale e territoriale della Sicilia nel mondo e dei Paesi coinvolti nell’itinerario

FINALITÀ MEDIATICHE
Promuovere l’immagine istituzionale e aziendale dell’ente promotore e dei partners

FINALITÀ ETICHE
Promuovere la tutela dell’ambiente marino, mediante misure di contrasto all’inquinamento da plastiche

Riprese e montaggio Paolo Zerbo

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci