Sicilia Report
Sicilia Report

La dott.ssa Maria Montalto: una formazione olistica in odontoiatria

Questa è la prima di una serie di interviste a Maria Montalto presidente Provinciale dell’Associazione Italiana Odontoiatri. Ha affiancato studi di medicina naturale, omeopatia, kinesiologia, posturologia, agopuntura, che le permettono di avere una visione olistica della patologia odontoiatrica

 

Bottone 980×300

Questa è la prima di una serie di interviste a Maria Montalto presidente Provinciale dell’Associazione Italiana Odontoiatri. Ha affiancato studi di medicina naturale, omeopatia, kinesiologia, posturologia, agopuntura, che le permettono di avere una visione olistica della patologia odontoiatrica.

Susanna Basile: Chi è Maria Montalto?
Maria Montalto: È laureata in Medicina e Chirurgia, ma da sempre si è occupata di odontoiatria, frequentando sin dai primi anni di Università, studi dentistici e laboratori odontotecnici, acquisendo competenze pratiche sulla costruzione delle protesi.

Nei vari anni di formazione è stata sempre attratta da tutto ciò che apparentemente non aveva a che fare con i denti, ma che poi invece si è rivelato fondamentale per la comprensione dei collegamenti tra i vari organi. All’attività odontoiatrica ha affiancato studi di medicina naturale, omeopatia, kinesiologia, posturologia, agopuntura, che le permettono di avere una visione olistica.

Da sempre impegnata nel sociale, fa parte di diverse ONLUS di volontariato, ed è la referente per la Regione Sicilia della formazione volontari odontoiatri del Cottolengo Mission Hospital Chaaria Kenya. È presidente Provinciale dell’Associazione Italiana Odontoiatri. Tra i suoi innumerevoli hobby ama la fotografia in tutte le sue espressioni.

S.B.: Quale sono le nuove patologie legate all’odontoiatria?

M.M.: I tempi moderni hanno cambiato il nostro stile di vita, e nonostante il nostro organismo vanti uno dei più sofisticati sistemi di adattamento, le varianti e le interferenze esterne sono molteplici. Alla fine se non cogliamo i segnali che il nostro sistema immunitario emana, il corpo ci manda il conto.

L’apparato stomatognatico, (cioè bocca, denti, muscoli, ossa, articolazioni temporomandibolari e i nervi collegati), è un apparato altamente complesso.

Ormai gli studi scientifici hanno provato che c’è un legame stretto tra le alterazioni posturali e le alterazioni dell’apparato stomatognatico.

Le patologie più comuni vanno dal bruxismo, cioè lo sfregamento o serramento dei denti, a volte fino alla completa usura, e questo a sua volta porta ad altre complicanze posturali fino ai disordini dell’articolazione temporo mandibolare, (TMD) cioè a quel meccanismo che ci permette di aprire e chiudere la bocca.

I sintomi sono importanti come il dolore in varie zone del viso e del capo, per poi proseguire verso la spalla, braccio, scapole, zona lombare, gambe e piedi. Per dare un nome alle patologie più comuni: mal di testa, torcicollo, acufeni, vertigini, ronzii,  che possono essere dovuti alla mala occlusione dentale, cioè l’alterato rapporto tra i denti superiore ed inferiore.

Queste patologie si instaurano anche per dei fattori estrinseci, legati al tipo di vita sociale, alla scolarizzazione, all’alimentazione, a fattori psicologici propri dell’individuo. Che approfondiremo meglio nei prossimi articoli.

S.B.: Riguardo alla mala occlusione i denti del giudizio a cosa servono?

M.M.: Oggi sembra che i denti del giudizio non trovino più spazio in bocca e sempre più bisogna ricorrere all’estrazione. Una possibile spiegazione sembra venire da una ricerca americana eseguita dall’antropologa Debbie Guatelli-Steinberg dell’Università dell’Ohio State, che studia i denti fossili, per rispondere a questioni riguardanti la storia e le abitudini dei nostri antenati umani. I nostri denti si sono adattati per permetterci di seguire la grande varietà di regimi alimentari che oggi adottiamo almeno nelle società occidentali. Nell’arco del tempo in cui è avvenuta la sua evoluzione l’uomo si è nutrito di vegetali raccolti e di animali cacciati, mentre la nostra dieta attuale, caratterizzata da cibi morbidi e da alimenti processati e zuccherati, non ha niente a che vedere con il tipo di alimentazione che ha dato forma ai nostri denti.

Problemi come accumulo di placca batterica e carie sono notevolmente aumentati nei nostri tempi, il consumo di alimenti di consistenza morbida non stimola la crescita del mascellare e dei denti stessi e il terzo molare detto anche il dente del giudizio, ne è particolarmente impattato.

I denti del giudizio inclusi stanno diventando sempre più comuni, stiamo andando verso una progressiva involuzione delle dimensioni del mascellare e il concomitante aumento delle dimensioni della cavità cranica. Sempre più spesso il terzo molare non avrà abbastanza spazio per erompere.

S:B.: Ci può anticipare il prossimo argomento?

Parleremo in seguito della postura: possiamo solo anticipare che la postura è l’atteggiamento generale della persona, non solo nel posizionare e muovere il proprio corpo, ma anche come modo di reagire all’ambiente che lo circonda. La complessità della postura deriva dai numerosi fattori che si intersecano tra di loro, condizioni patologiche-disfunzionali, equilibrio muscolare alterato, presenza di un trauma che ha determinato un danno a tessuti ed ossa, componente fisica ed abitudini sportive, fattori ambientali e lavorativi, fattori ereditari, psichici e caratteriali.

 

 

Commenti