Castello Ursino: Laboratorio Kids

di
Il castello di Federico tra lava e mare. Domenica 13 gennaio

CATANIA – Per i bambini la sfida si fa sempre più interessante, ma soprattutto operativa, e stavolta riguarda direttamente il Castello Ursino, la sua storia e la sua architettura. Dopo la pausa natalizia ritornano i laboratori ludico didattici: l’appuntamento per i piccoli architetti è per domenica 13 gennaio alle ore 10.30 con “Il Castello di Federico tra lava e mare”, un’attività a cura di Officine Culturali in collaborazione con Karma Communication, le due realtà che hanno dato vita al CUB – Castello Ursino Bookshop. I piccoli visitatori toccheranno con mano il Maniero Federiciano, o almeno una sua versione.
I partecipanti al laboratorio scopriranno le principali fasi costruttive e storiche della fortezza di Federico II di Svevia a Catania, grazie ad una visita tra le sale del Castello e del fossato scoprendo la figura di quel Re che lo volle costruire e che cambiava idea ogni giorno. Ma tra i racconti di vita di chi abitò le sale del Castello, anche quella di Riccardo da Lentini, quell’architetto che progettò e realizzò quell’imponente opera che oggi ammiriamo e che, negli anni ha subito diverse trasformazioni in seguito all’eruzione del 1669 e al terremoto del 1693. Dalla teoria alla pratica e alla fine saranno i partecipanti al laboratorio costruire un Castello in piccolo. Il laboratorio prevede infatti la realizzazione di un modellino 3D della fortezza voluta da Federico II.
Il laboratorio è rivolto a bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni e sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti. Per partecipare è necessaria la prenotazione allo 0957102767 – 3349242464. Il costo del laboratorio è di 7,00 € per l’intero e di 5,00 € ridotto per il secondo figlio/a, possessori della CUB4CARD e della MONASTEROCARD*. Abbonamento per 4 laboratori a 16,00 € con KIDSTRIP.IT scopri come sul sito oppure scrivi a info@kidstrip.it
*Il partecipante è tenuto a esibire la documentazione utile a dimostrare l’appartenenza alla fascia di contributo.