Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Pietre che parlano: il 25 gennaio la prima matinée con Andrea Tidona in Historie morali di Serafino Amabile Guastella

La rassegna "Pietre che parlano" alla Cappella Bonajuto, prende il via con la prima del ciclo di matinée che si terranno ogni ultimo sabato del mese, alle ore 11.00

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Sarà lo spettacolo Historie morali di Serafino Amabile Guastella, interpretato dal grande attore Andrea Tidona a dare il via a Pietre che parlano, la rassegna teatrale ideata da Orazio Torrisi, fortemente voluta da Salvatore Bonajuto e realizzata in collaborazione con l’Associazione Teatro della Città, che si svolgerà all’interno della Cappella Bonajuto, sito bizantino custodito nel cuore storico di Catania da tempo identificato come la casa dell’arte e della cultura.
Dopo il successo delle anteprime del mese di dicembre, che hanno dato modo di “assaggiare” lo splendore del teatro mattutino all’interno di uno dei luoghi storici più importanti della città, prende il via il ciclo di matinée che si terranno ogni ultimo sabato del mese. Cinque spettacoli messi in scena in orario diurno per riportare l’atmosfera della Catania teatrale degli inizi del secolo scorso, rappresentando per i catanesi e non solo, anche un’alternativa alle cattedrali di cemento dei centri commerciali.
Al termine dello spettacolo sarà offerto un aperitivo, grazie ad Al-Cantara Winery: un momento di confronto per amanti del teatro e della cultura che ha dato respiro europeo alla mattinata, confermando l’intuizione degli organizzatori.

Historie morali di Serafino Amabile Guastella
Andrea Tidona, volto noto del teatro, come del piccolo e grande schermo, proporrà al pubblico di Pietre che parlano Historie morali di Serafino Amabile Guastella, una summa ironica e leggera di quella che si considera l’opera maggiore del barone chiaramontano Serafino Amabile Guastella (Chiaramonte Gulfi, 1819 – Chiaramonte Gulfi, 1899) ovvero la raccolta in prosa intitolata “Le parità e le storie morali dei nostri villani”.
Il barone chiaramontano Guastella, etnologo e tra i più attenti studiosi di tradizioni popolari siciliane, nacque in una famiglia dell’aristocrazia di provincia, a Chiaramonte nell’allora Contea di Modica. A lungo insegnò presso il Ginnasio di Modica, poi Liceo classico Tommaso Campailla. Da studioso esaminò dell’uomo siciliano gli usi, le superstizioni, la miseria, la fatica, le precarietà, mettendone in risalto la saggezza. E proprio questi “apologhi e parabole“ saranno il fulcro dell’appuntamento di sabato 25 gennaio.
…’Sti passati come li chiamano anche i viddani, queste storie mi sono state narrate, cuntati, da ciabattini, artigiani in generale, da vecchie donne del popolo, che sono una miniera inesauribile, e principalmente da villici, da viddani appunto’…

La rassegna
25 gennaio Andrea Tidona Historie morali di Serafino Amabile Guastella
29 febbraio Viola Graziosi Offelia Suite
28 marzo Iaia Forte Odissea Penelope
18 aprile Mariano Rigillo e Cicci Rossini in Natura ed Eros in Ercole Patti
30 maggio Giuseppe Pambieri in L’infinito Giacomo

Orario: 11,00
Seguirà aperitivo

Il programma potrebbe subire variazioni. Vi invitiamo a consultare le pagine Facebook di Città Teatro Catania e di Cappella Bonajuto

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci