Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

“Histoires d’Afrique”, ai Benedettini l’Ensemble Wakili propone narrazione musica e danza tradizionale tra il Mali e la Guinea

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Lunedì 29 luglio alle 21 nel cortile del Monastero dei Benedettini di Catania si esibirà l’Ensemble Wakili con “Histoires d’Afrique” – Narrazione, musica e danza tradizionale tra il Mali e la Guinea. Un nuovo appuntamento organizzato dall’Associazione Musicale Etnea in collaborazione con l’Associazione Afrodanzando all’interno del prestigioso cartellone di “Porte aperte UniCT”, la rassegna che fino al 2 agosto propone concerti, proiezioni, spettacoli teatrali e incontri negli edifici storici dell’Università di Catania.
Il concerto è il preludio della quarta edizione dell’Etna Afro Festival che si terrà nei giorni seguenti a S. Tecla (Acireale), ed è dedicato alle arti dei Griot, ossia gli artisti, poeti e cantori, che nelle società tradizionali dell’Africa Occidentale avevano il compito di preservare la storia e la tradizione orale, spesso anche con funzione di interpreti e ambasciatori, e che hanno ancora oggi un ruolo importante nelle comunità dei paesi dell’Africa sub-sahariana. Ma sarà anche un’occasione per conoscere la straordinaria ricchezza delle danze e della poliritmia dell’Africa Occidentale.
L’Ensemble Wakili è costituito da grandi solisti, veri e propri ambasciatori della musica, della danza e della cultura dell’Africa Occidentale in tutto il mondo: Mohamed Camara, Guinea (Djembe, Krin, Balafon); Bamba Camara, Guinea (Dundun, Krin e Danza); Sory Diabate, Guinea (Balafon, Krin); Moussa N’tanga Camara, Guinea (Dundun e Canto); Yansane Fatoumatà, Guinea (Danza e Canto); Assetou Diabate, Mali (Danza, Canto e Racconti); Toumany Diawara, Mali (Kamalen Ngoni).
La serata sarà il preludio della quarta edizione dell’Etna Afro Festival, che richiama appassionati della musica e della danza africana da varie parti d’Italia e dall’estero. Il festival, nato da un’idea comune della pedagogista siciliana Marina Cannavò e dell’artista guineano Mohamed Camara, ha lo scopo valorizzare le diversità culturali tramite la danza e la musica. Costo biglietti intero 10 euro (+ 1,50 euro diritto di prevendita), ridotto Under 26, Over 65, Abbonati Ame, Abbonati MWF, personale Unict: 8 euro; ridotto studenti Unict 5 euro.

I commenti sono chiusi.

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci