Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Carnevale
Giarre si veste di fascino e magia, al via il ‘Carnival show’ targato ArchiDrama

Doppio evento sabato 22 e domenica 23 febbraio in Piazza Duomo

Tempo di lettura: 2 minuti

GIARRE (CT) – C’è grande attesa a Giarre per il ‘Carnival show’, manifestazione carnascialesca che si aprirà domani nella centralissima Piazza Duomo, promossa dall’associazione culturale ‘ArchiDrama’, con il patrocinio dell’assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana ed in collaborazione con l’assessorato alla Cultura, Turismo e Spettacolo del Comune di Giarre. Nel primo appuntamento, in programma domani sera, sabato 22 febbraio, alle ore 19, previste le esibizioni della Compagnia Batarnù, specializzata in spettacoli di strada e di fuoco, e di Marco Ape, artista giarrese che proporrà al pubblico ‘Il secondo elemento’, variegato spettacolo che spazia dalla danza con l’utilizzo del fuoco alla manipolazione delle fiamme attraverso numeri di fachirismo e mangiafuoco, per finire con un esplosivo finale di sputa fuoco “acrobatico”. Un evento pensato per adolescenti e famiglie. Si tornerà in Piazza Duomo anche domenica 23 febbraio alle ore 11 con funamboli, giocolieri e trampolieri. Ad andare in scena l’esilarante spettacolo, dedicato ai bambini ed alle famiglie, ‘Il Circo Equilibrato’ della Compagnia Joculares. Esibizioni tecniche e virtuosismi di alto livello, come verticalismo, scala libera, funambolismo su corda molle e contact, si alterneranno ad esilaranti e coinvolgenti gags comiche ed a momenti di improvvisazione con il pubblico. A fare da apripista sarà il trampoliere Filippo Velardita che, con i suoi numeri di giocoleria, intratterrà i piccoli spettatori. Uno spettacolo in cui le esperienze del circo, del teatro tradizionale e del teatro di strada si integrano e danno vita ad una performance ricca e di qualità. Entrambi gli eventi sono aperti gratuitamente al pubblico.

“Abbiamo voluto offrire due proposte di spettacolo differenti, volutamente dedicate a target anagrafici diversi – dichiara Alfio Zappalà, presidente di ArchiDrama – variando così l’offerta e promuovendo la diffusione di modi differenti di fare teatro, che nella fattispecie riguardano appunto il teatro circense ed il teatro di strada”.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci