Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Claudio Baglioni, “Dodici note” al Teatro Greco di Siracusa il 17 luglio, unica data al sud Italia

La straordinaria occasione si è resa possibile grazie alla disponibilità della Regione Siciliana, dell’Assessorato ai Beni Culturali, dell’Assessorato al Turismo, del Parco Archeologico di Siracusa e del Comune di Siracusa. L’evento è organizzato dalla Friends and Partners in collaborazione con Puntoeacapo.

Tempo di lettura: 3 minuti

Un concerto di pop-rock sinfonico, che spazia dalle sonorità della grande orchestra classica con coro lirico a quelle di una poderosa big band con voci moderne. Un insieme, a volte sperimentale, che fonde i molteplici linguaggi musicali alla cui base ci sono 12 note: i 12 mattoncini con i quali riedificare, nei tre luoghi simbolo di bellezza e arte millenaria, una casa virtuale di musica e parole.
ÈDODICI NOTE”: la grande musica di una delle più grandi voci della musica italiana come nessuno l’ha mai sentita. Dopo le già annunciate 12 date a giugno alle Terme di Caracalla di Roma – in cui, per la prima volta in assoluto, la stagione estiva dell’Opera di Roma alle Terme di Caracalla ospiterà dodici serate consecutive dello stesso artista – CLAUDIO BAGLIONI porterà “DODICI NOTE” in altri due luoghi d’arte unici al mondo: il TEATRO GRECO di SIRACUSA – 17 luglio – e l’ARENA di VERONA, 18 settembre. Dodici note, come i dodici brani che comporranno il nuovo album di inediti di CLAUDIO BAGLIONI, in uscita nella primavera 2020, per tre luoghi-simbolo, nei quali storia, arte e bellezza si fondono in una magia che non ha eguali. Queste le date di “DODICI NOTE”, prodotte e organizzate da Friends & Partners e in collaborazione con il Teatro dell’Opera di Roma per le date alle Terme di Caracalla:

 

6 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
7 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
8 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
9 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
10 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
11 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
13 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
14 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
15 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
16 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
17 giugno – Terme di Caracalla – ROMA
18 giugno – Terme di Caracalla – ROMA

17 luglio – Teatro Greco – SIRACUSA (NUOVA DATA)
18 settembre – Arena di VERONA (NUOVA DATA)

Radio Italia è radio partner delle date. TIM è sponsor unico del tour.
Biglietti in prevendita esclusiva per gli iscritti al Fan Club dalle ore 11.00 di mercoledì 19 febbraio.

Dalle ore 11.00 di giovedì 20 febbraio, saranno disponibili per tutti, su TicketOne.it; dalle ore 11.00 di giovedì 27 febbraio, nei punti vendita e nelle prevendite abituali (tutte le info su www.friendsandpartners.it).

DODICI NOTE
concerto per voce
solisti
orchestra
e coro

Dodici note di dodici semitoni compongono un’ottava musicale.

© Alessandro Dobici

Con dodici note, di diverse altezze, timbriche, voci, durate e intensità
e di differenti strumenti, volumi, tempi, elementi e suoni,
si fa tutta la musica.
Con la loro combinazione si formano e si eseguono
melodie, armonie, contrappunti e ritmi del concerto.
Sono la materia prima e il risultato finale.
I dodici articoli e principi fondamentali di uno statuto fondante.
L’accordo, l’unione, l’insieme creano l’intero mondo di note.
L’alfa e l’omega di un universo infinito.
Dodici sono i titoli dell’album.
Dodici tracce di vita narrata,
come i dodici mesi di un anno, le sue dodici lune
e le dodici ore antimeridiane e pomeridiane dell’orologio di un giorno.
Dodici viaggi sognati verso le dodici costellazioni.
Su, a ore dodici.
Dodici giri di ruota, dodici tornei per i dodici cavalieri di una saga ideale.
Le dodici imprese di un’avventura bella e impensabile come la musica di una vita.

Claudio Baglioni

50 anni vissuti in musica, 60 milioni di copie vendute in tutto il mondo. Sono i numeri essenziali di una carriera unica e irripetibile: quella di CLAUDIO BAGLIONI, musicista, autore, interprete, che, dalla fine degli anni Sessanta a oggi, è riuscito a conquistare una generazione dopo l’altra, grazie a un repertorio pop, melodico e raffinato, nel quale ha saputo fondere canzone d’autore e rock, sonorità internazionali, world music e jazz, rivoluzionando il concetto stesso di performance live – il primo a inaugurare la stagione dei grandi raduni negli stadi e ancora il primo, nel 1991, a “far scomparire il palco” e portare la scena al centro delle Arene più importanti e prestigiose d’Italia – in ambito musicale, sociale e televisivo.

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci