Sicilia Report
Notizie e media attraverso l'uso del fact-checking e data journalism

Cappella Bonajuto: “Pipino il breve” con Marionettistica dei Fratelli Napoli, Tuccio Musumeci e Alessandro Pizzimento

All'interno della rassegna "Pietre che parlano", il tormentato matrimonio di Pipino di Francia e Berta d’Ungheria e la nascita di Carlo Magno in una storia per attori, pupi e musici, venerdì 27 dicembre, ore 18

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA – Il tormentato matrimonio di Pipino di Francia e Berta d’Ungheria e la nascita di Carlo Magno, raccontato nel sesto libro de I Reali di Francia di Andrea da Barberino, è patrimonio comune del repertorio di tutti i pupari siciliani.
A queste vicende, che furono scelte da Tony Cucchiara sul finire degli anni Settanta per l’elaborazione del famosissimo musical è dedicato il nuovo appuntamento di venerdì 27 dicembre, alle ore 18 all’interno di Pietre che parlano, la rassegna teatrale ideata da Orazio Torrisi, fortemente voluta da Salvatore Bonajuto e realizzata in collaborazione con l’Associazione Città Teatro, che si svolge all’interno della Cappella Bonajuto e che punta sulla formula del matinèe seguito da aperitivo.
Al centro dello spettacolo, con la partecipazione straordinaria di Tuccio Musumeci e l’accompagnamento musicale del polistrumentista Alessandro Pizzimento, ci sarà la Marionettistica dei Fratelli Napoli, storica compagnia di pupari catanesi, che per il musical di Tony Cucchiara realizzava corone, armature e mantelli, segnando così fin dall’inizio il naturale convergere dei due universi teatrali, quello del musical e quello dell’Opira catanese, verso il progetto qui delineato: un riallestimento del Pipino che veda in scena insieme agli attori i pupi e i pupari della premiata compagnia catanese.
“Il riadattamento del lavoro – spiega Alessandro Napoli – , nel rispetto dello spirito e dell’atmosfera del musical, intende dare spazio alle modalità di rappresentazione con cui la vicenda di Pipino e dei suoi antagonisti magonzesi veniva raccontata all’Opera dei Pupi, marcando da un lato la fedele lealtà alla corona dei baroni francesi e dall’altro la sleale perfidia dei traditori di Magonza. In questa direzione punto focale delle vicende rappresentate coi pupi sarà la gran battaglia finale nella quale i baroni e il popolo di Parigi costringeranno i traditori alla fuga. Due codici teatrali a confronto per raccontare, ciascuno coi suoi specifici linguaggi, una vicenda antica, che trova la sua armonica coerenza di stile nel paradigma di scenografia e costumi imposti dalla tradizione pupara. A dialogare con l’irresistibile Pipino troveremo in scena anche Peppininu, la maschera del teatro dei pupi catanese, che abbiamo scelto come guida ideale per questo rinnovato abbraccio fra tradizione dell’Opira e musical contemporaneo”.

A seguire aperitivo con i vini di Al-Cantàra winery
Prezzo biglietto 10 euro
Info allo 095530153

LA RASSEGNA
Cinque spettacoli in scena, a partire da gennaio 2020, l’ultimo sabato del mese
Orario: 11,00
Seguirà aperitivo
Il programma dettagliato sulla pagina Facebook del Teatro della Città e della Cappella Bonajuto

COSTI
Costo spettacolo: 10,00 euro
Abbonamento ai 5 spettacoli: 35,00 euro
Riduzione studenti: 8 euro
Abbonamento studenti: 25 euro

Commenti
Loading...

Questo sito usa dei cookie tecnici necessari al corretto funzionamento del sito stesso creati direttamente dalla piattaforma. Diamo per scontato che tu sia d'accordo, ma se vuoi puoi liberamente decidere di uscire. Accetto Approfondisci