Sicilia Report
Sicilia Report

Migranti: l’Italia esce dalla top five Ue per richieste asilo

È quanto emerge dal rapporto sul 2020 pubblicato dall'Easo, l'Ufficio europeo per l'asilo (European Asylum Support Office), che ha sede alla Valletta

Bruxelles, 25 giu. – Per la prima volta dal 2015, l’Italia non rientra tra i primi cinque Paesi dell’Ue per richieste di asilo. È quanto emerge dal rapporto sul 2020 pubblicato dall’Easo, l’Ufficio europeo per l’asilo (European Asylum Support Office), che ha sede alla Valletta, a Malta. Nel 2019, l’Italia ha ricevuto circa 44mila richieste di asilo, in calo rispetto all’anno precedente per il secondo anno di fila, a causa della “significativa riduzione” dell’immigrazione irregolare nel Mediterraneo Centrale, uscendo dai primi cinque Paesi Ue per destinazione.

Bottone 980×300

Le richieste di asilo continuano ad essere concentrate in un numero limitato di Stati: oltre la metà nel 2019 sono state presentate in Francia, Germania e Spagna, seguite a distanza dalla Grecia. Per il sesto anno di fila, la Germania ha ricevuto il più alto numero di richieste di asilo (circa 166mila), il 22% del totale.

Le domande di asilo in Spagna sono più che raddoppiate rispetto al 2018, a 118mila, per effetto dell’aumento delle domande di cittadini di Paesi dell’America Latina. Le richieste sono salite anche in Francia (129mila) per effetto di movimenti secondari e anche in Grecia (circa 77mila), a causa degli arrivi dalla Turchia. Al quinto posto c’è il Regno Unito, che nel 2019 era ancora nell’Ue, seguito dall’Italia.
(AdnKronos)

Commenti